Calcio: Real Madrid, Ancelotti “Torta c’è e ora manca ciliegina”

1 minuto di lettura

"Le critiche? Quando la squadra perde si parla sempre dell'allenatore" MADRID (SPAGNA) (ITALPRESS) – "A fine stagione la società valuterà il lavoro che abbiamo fatto e prenderà una decisione, io mi godo ogni giorno. Questa squadra ha dato finora quello quello che poteva dare. Non so se poteva fare molto meglio ma siamo messi bene, abbiamo fatto la torta e ora manca mettere la ciliegina". Carlo Ancelotti vede il primo traguardo sempre più vicino, la vittoria di una Liga che manca ancora al suo palmares. E anche in Champions, col 3-1 di Londra sul Chelsea, la semifinale è vicina. Con buona pace di chi lo aveva messo in discussione dopo il flop nel Clasico. "Parlo di quello che vedo e non vedo niente di preoccupante a livello fisico. Quello che si dice in giro viene detto da persone che non sanno niente della squadra. La mia fortuna è che sono una persona molto equilibrata. Ho avuto fortuna nella vita, anche il Covid è arrivato nel momento giusto, così mi sono isolato e non ho dovuto ascoltare nessuno – ride – Si parla dell'allenatore solo quando la squadra perde ma bisogna accettarlo, specie se alleni il Real, che è il miglior posto dove trovarsi. È peggio quando ti criticano in una squadra non grande come il Real". Come col Psg, anche col Chelsea è stato decisivo con una tripletta Benzema. "E' sempre stato un giocatore forte ma continua a crescere, è migliorato dentro e fuori dal campo, nella leadership: ha più personalità, è più leader. Lui come Van Basten? E' difficile fare paragoni con giocatori di altre epoche ma credo che Benzema sarebbe felice del paragone con Van Basten e viceversa". Con questo Benzema, uno fra Mbappè e Haaland rischierebbe di essere di troppo. "L'età di Karim fa sì che non cambi nulla a prescindere di chi verrà, in futuro sarà ricordato come uno dei giocatori più importanti del Real, chiunque sia il suo partner". Ancelotti parla poi di Bale, destinato a lasciare Madrid a fine stagione. "Gareth sta bene, come abbiamo visto col Galles, e vuole dimostrarlo anche qui col Real. Vuole congedarsi bene e sarebbe anche giusto perchè è entrato nella storia di questo club con i suoi gol, le sue partite e i suoi trofei". (ITALPRESS). glb/red 08-Apr-22 14:34

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ucraina, accolti in Italia 87.225 profughi

Articolo successivo

Tumore al seno, in Emilia-Romagna pandemia non ha fermato prevenzione

0  0,00