Calcio: Zanetti scaccia la paura “Coraggio e gol per battere l’Udinese”

2 minuti di lettura

"Affrontiamo una squadra forte e che sta bene", avverte il tecnico del Venezia VENEZIA (ITALPRESS) – "Un'altra possibilità". La definisce in questo modo la sfida di domenica contro l'Udinese, Paolo Zanetti, tecnico di un Venezia, ancora attaccato al treno-salvezza ma le gare a disposizione sono sempre meno, sette più il recupero di Salerno. Dopodomani al Penzo arrivano i friulani, definiti "rognosi" da Zanetti, che spera di dare una soddisfazione casalinga ai tifosi dopo un digiuno di cinque mesi: in laguna non si vince dal 3-2 del 7 novembre contro la Roma. "La parola chiave che caratterizza i primi minuti è paura, nel finale c'è il timore di non farcela, data dalla mancanza di autostima quando si perdono diverse partite. Le nostre concorrenti non sono più scarse del Venezia; dobbiamo essere consapevoli dei limiti che abbiamo. All'andata siamo stati tra le rivelazioni per aver vinto delle gare insperate". Per domenica, Aramu è reduce da una settimana un po' problematica per una distorsione alla caviglia, Vacca ha fatto acciacco fisico; entrambi dovrebbero farcela, anche se il secondo ha più possibilità del primo, chiamato a stringere i denti. In difesa, ancora da capire se al fianco di Ceccaroni sarà riconfermato Caldara o il tecnico batterà altre strade. "L'Udinese è molto forte, sta bene, ha giocatori importanti e meriterebbe una classifica migliore. Sa difendere bene, ha delle partenze micidiali. È rognosa da affrontare. Dipenderà dal nostro coraggio, dall'alzare i numeri offensivi: per tornare ad avere delle gioie, dobbiamo segnare. Voglio tornare a vedere i miei ragazzi festeggiare per un gol". Domenica fischierà Guida, al rientro dopo le polemiche di Inter-Torino. "È bravo. A Torino, con la squadra, ha fatto un errore come capita a tutti. Sa arbitrare bene: il livello della categoria è alto. Alla fine del campionato, tutto si compensa" analizza Zanetti. Per domenica, è previsto il pubblico delle grandi occasioni; complice il ritorno della capienza al 100 per cento, al Penzo (in grado di contenere 11.150 spettatori) si sfiorerà il tutto esaurito. Al termine della gara contro la Sampdoria, i tifosi avevano contestato ma ora sono pronti a riempire le tribune. "Intanto penso a quei 250 venuti a La Spezia, sempre presenti. Con la Samp ci hanno dato una scossa ma a La Spezia hanno aiutato la squadra, l'hanno applaudita. Se la situazione è frustrante per noi, lo è anche per loro. Dovremo essere bravi a tirare lo stadio dalla nostra parte" continua Zanetti. A proposito di Liguria, Zanetti ha visto un passo in avanti dei suoi. "A La Spezia abbiamo fatto bene, la reazione c'è stata, la squadra ha fatto meglio, è stata più coraggiosa. Anche il pareggio ci avrebbe lasciato rammarico. Non ho rimarcato l'errore, spero che finiscano, anche per statistica. I ragazzi stanno lavorando al massimo, in settimana ho cambiato qualcosa, anche per trovare nuove soluzioni" conclude Zanetti. Intanto ieri al centro di allenamento Taliercio, si è rivisto Pippo Inzaghi, sulla panchina arancioneroverde dal 2016 al 2018 e reduce dall'esperienza di Brescia, esonerato di recente dal presidente Cellino. (ITALPRESS). rag/ari/red 08-Apr-22 16:01

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

A Sant’Agata apre Centro Medico MM con specialisti del Giglio di Cefalù

Articolo successivo

Ue, Gentiloni: “Guerra e pandemia hanno rallentato la crescita”

0  0,00