Nba: Milwaukee batte Boston, Jokic da record e Denver ai play-off

1 minuto di lettura

NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Sfumato il primo posto a Est ormai blindato da Miami, Milwaukee prova a prendersi il secondo. Successo importante in vista dei play-off per i Bucks, che si aggiudicano lo scontro diretto con Boston per 127-121 e si mettono alle spalle gli stessi Celtics e Philadelphia, battuta da Toronto. Giannis Antetokounmpo e Jrue Holiday firmano 29 punti a testa, 22 per Middleton mentre sull'altro fronte, out Tatum e Horford, Jaylen Brown chiude con una tripla doppia (22 punti, 11 assist e 10 rimbalzi). La classifica della Eastern Conference, dietro gli Heat, vede dunque nell'ordine Milwaukee (50-30), Boston (50-31) e Philadelphia (49-31), la cui sconfitta per 119-114 con i Raptors (devastante Pascal Siakam con 37 punti, 12 assist e 11 rimbalzi, 30 punti per Trent) compromette anche le chance di conquistare il titolo della Atlantic Division. Per i Sixers 30 punti e 10 rimbalzi di Embiid, 13 punti e 15 assist di Harden. Fra l'altro Toronto ha ora un record di 47-33 e può nutrire speranze di quarto posto: i canadesi sono in vantaggio negli scontri diretti con Philadelphia ed entrambe le squadre hanno le ultime due gare di regular season. Assegnato l'ultimo posto per i play-off a Ovest: se l'è preso Denver, grazie al successo per 112-109 su Memphis. Serata storica per Nikola Jokic, primo giocatore di sempre in Nba con 2000 punti, 1000 rimbalzi e 500 assist in una stagione (35+16+6 il suo score con i Grizzlies). E dire che la gomitata ricevuta in avvio da Jaren Jackson che lo ha costretto a giocare il resto della gara con un'inedita fascia rossa non sembrava di buon auspicio. I Nuggets, che possono ancora soffiare la Northwest Division a Utah (ma serve battere i Lakers e sperare in due ko dei Jazz), vanificano così il successo di Minnesota su San Antonio per 127-121 con un Anthony Edwards da 49 punti (massimo in carriera) e un Karl-Anthony Towns da 21 punti e 13 rimbalzi: per i Wolves saranno play-in contro i Clippers. Golden State prova a difendere la terza piazza dall'assalto di Dallas approfittando della deriva dei Lakers (128-112 con 33 punti di Thompson e 19 punti e 11 assist di Poole, ottavo ko di fila per i gialloviola privi dei vari James, Davis, Anthony e Westbrook e ormai eliminati) mentre New Orleans batte 127-94 Portland e ipoteca il fattore campo nel play-in con San Antonio. Maxi-rissa nell'ultimo quarto fra Hornets e Magic, con Charlotte avanti di 25 (vincerà 128-101): espulsi Robin Lopez e Admiral Schofield nelle fila di Orlando e Montrezl Harrell in quelle di Charlotte. Un episodio che fa passare in secondo piano l'ottima prova di LaMelo Ball (26 punti, 9 assist e 8 rimbalzi) e un piccolo grande traguardo per gli Hornets: con un record di 41-39 si assicurano la prima stagione con un bilancio almeno non in negativo dal 2015-16. (ITALPRESS). (Photo credit: agenziafotogramma.it) glb/red 08-Apr-22 09:20

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ucraina. Meglio Draghi o il condizionatore? Arriva la decrescita in-felice

Articolo successivo

Iss, in calo incidenza e Rt, stabili occupazioni delle terapie intensiVE

0  0,00