Calcio: Fiorentina. Igor “Italiano mi ha cambiato la vita”

1 minuto di lettura

"Il mister ha sempre parlato con me, mi ha detto quello che voleva, quello su cui dovevo migliorare". FIRENZE (ITALPRESS) – Vincenzo Italiano "posso dire che ha cambiato la mia vita. Fin da quando è arrivato mi diceva cosa dovevo cambiare, su cosa dovevo migliorare. Io sono un ragazzo che ascolta tutti. Anche chi è più giovane di me: vedo se posso imparare qualcosa. Il mister ha sempre parlato con me, mi ha detto quello che voleva, quello su cui dovevo migliorare. Faccio sempre il massimo per crescere". Lo ha detto il difensore gigliato Igor in un'intervista rilasciata al sito ufficiale viola. "Sono grato a mister Italiano che ha visto le mie qualità, ha visto il lavoro tutti i giorni, tutta la settimana. Cerco sempre di lavorare, per migliorare e crescere. Cerco di stare bene con la testa, perché l'opportunità arriva quando meno te l'aspetti. Lo so che nel calcio le cose cambiano velocemente" ha detto il giocatore gigliato. "Ho avuto due anni un po' difficili qui a Firenze -ha proseguito Igor-, non perché stessi male, ma nel calcio ci sono delle cose fuori dal tuo controllo: devi aspettare il tuo momento e lavorare duro. E adesso sono grato perché tutto ciò che ho aspettato sta arrivando: la continuità, il minutaggio, le partite. Giocare, migliorare. Sto cercando di migliorare sempre di più, voglio diventare un difensore forte. So che ora devo ancora fare tanta strada. Ma sono contento di questo momento". Igor poi ha parlato dei suoi punti di riferimento calcistici, tessendo le lodi in particolar modo di un calciatore con cui condivide lo spogliatoio viola. "Ci sono tanti compagni da cui imparare, li potrei nominare tutti, ma voglio menzionare Torreira -ha evidenziato Igor-. Non solo perché ha l'esperienza per aver giocato in Premier League, nella Liga, in due grandi squadre, ma perché il suo modo di giocare, la sua intelligenza e la sua fame, è fortissimo. Fino a qualche anno fa un giocatore piccolo faceva fatica a giocare, ma con lui non cambia niente. Quando entra in campo lascia la vita. E' intelligente con la palla, senza palla sa dove deve essere nel momento giusto. E' un calciatore di alto livello, gioca in Nazionale, fa i Mondiali, ma ha una semplicità e un'umiltà da ammirare. Io lo guardo sempre e provo ad imparare da lui. Per me è un esempio. Sono molto felice a Firenze -ha concluso il centrale difensivo brasiliano-. Quando arrivi qui e vedi come i tifosi ti fanno sentire importante, è una cosa diversa. Puoi giocare ovunque, ma quando sei a Firenze e giochi nella Fiorentina è un qualcosa di diverso. Sono molto felice del rapporto con i tifosi e con la città di Firenze, sono nel mio cuore". (ITALPRESS). gm/red 13-Apr-22 13:28

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Atletica: Tortu debutta a Nairobi nei 100, a Doha esordio nei 200

Articolo successivo

Tennis: Davis. Malaga ospiterà a novembre la fase finale

0  0,00