Plusvalenze nel calcio, prosciolti club e dirigenti deferiti

1 minuto di lettura

Questa la sentenza del Tribunale Federale nazionale ROMA (ITALPRESS) – Tutti priosciolti. È l'epilogo del processo sportivo di primo grado sul caso plusvalenze. Il Tribunale Federale Nazionale presieduto da Carlo Sica "ha prosciolto tutte le società, i dirigenti e gli amministratori dei club che erano stati deferiti dalla Procura Federale per avere contabilizzato nelle relazioni finanziarie plusvalenze e diritti alle prestazioni dei calciatori per valori eccedenti a quelli consentiti dai principi contabili – si legge nel dispositivo – Le motivazioni saranno rese note nei prossimi giorni". Lo scorso 1 aprile erano stati deferiti 11 club (Juventus, Sampdoria, Napoli, Pro Vercelli, Genoa, Parma, Pisa, Empoli, Chievo, Novara e Pescara) e 61 persone tra dirigenti e amministratori. Il processo è scattato martedì e la procura della Figc aveva chiesto nella requisitoria un totale di 458 mesi di inibizione per 59 imputati, tra cui Andrea Agnelli (1 anno), Aurelio De Laurentiis (11 mesi e 5 giorni), Massimo Ferrero (un anno) ed Enrico Preziosi (sei mesi e 10 giorni). La richiesta più pesante era stava avanzata verso l'ex dirigente della Juventus, Fabio Paratici: 16 mesi e 10 giorni. (ITALPRESS). (Photo credit: agenziafotogramma.it) glb/red 15-Apr-22 16:20

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Papa “Abbiamo dimenticato il linguaggio della pace”

Articolo successivo

Turismo, Pecoraro Scanio: “Servono investimenti e formazione”

0  0,00