Calcio: Ancelotti “Tutti aspettano caduta Real, trappole in ogni gara”

1 minuto di lettura

Il tecnico non replica alle critiche di Cassano: "Lo conosciamo tutti" MADRID (SPAGNA) (ITALPRESS) – "Cassano lo conosciamo tutti, non devo dare nessuna risposta". Carlo Ancelotti ignora le critiche dell'ex calciatore del Real, ha altro a cui pensare e le parole del barese ("In carriera non ha mai valorizzato nessun giocatore") più che l'ultimo pensiero non hanno proprio alcun peso. Meritano spazio, invece, le considerazioni del tecnico catalano Xavi, convinto che il Barça sia il club più difficile del mondo da allenare perchè deve vincere giocando bene. "Io rispondo facendo una domanda: cosa vuol dire giocare bene? Ognuno ha la sua opinione, per me vuol dire farlo sia quando difendi che quando hai il possesso palla, il calcio è attaccare e difendere e una squadra gioca bene quando è capace di fare entrambe le fasi e nessuno mi farà cambiare idea", ha spiegato il tecnico del Real che domani potrebbe chiudere il discorso Liga in casa del Siviglia, secondo in classifica in compagnia del Barcellona e a -12 dai blancos. Per il tecnico italiano, però, non si può parlare di partita decisiva: "Noi dobbiamo pensare a vincere, fare punti, perchè la Liga non è chiusa. Tutto il mondo sta aspettando che il Real inciampi, ogni partita può essere una trappola, sappiamo benissimo cosa si gioca il Siviglia che è ancora in corsa e che comunque vuole arrivare tra le prime 4, noi siamo pronti". Spazio anche ai singoli, a partire da Camavinga: "Sta facendo quello che ci aspettavamo, è un giocatore di grandissima qualità, sta crescendo in fretta e ci sta dando molto, ha fatto la differenza entrando dalla panchina contro Chelsea e Psg". Nell'ultima gara di Champions è entrato al posto di Kroos che non ha gradito il cambio e lo ha fatto capire a tutti. "Non mi ha infastidito il suo gesto, era arrabbiato con l'allenatore non con la persona Ancelotti, ne abbiamo parlato e non c'è alcun problema, al di là del calcio è una persona di alto livello e dopo la partita era tutto già chiarito", spiega Ancelotti che si dice positivamente sorpreso da Militao ("Non lo conoscevo, fisicamente è molto forte, veloce e ha ampi margini di miglioramento"), che elogia Vinicius ("E' molto giovane, ha tanta qualità e impara in fretta, vogliamo puntare su di lui in futuro") e chiude parlando di Modric. "Chiuderà la carriera al Real, non so quando ma così sarà, non ha problemi a firmare il rinnovo, nè il club a prolungare il suo contratto, è tutto molto chiaro, è una leggenda del calcio e se devo paragonarlo a qualcuno penso a Paolo Maldini che ha vinto la sua ultima Champions a quasi 40 anni". (ITALPRESS). ari/red 16-Apr-22 14:12

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Dalla Spagna “Intesa vicina Rudiger-Juve”

Articolo successivo

Il Cagliari fa tre passi verso la salvezza, 1-0 al Sassuolo

0  0,00