Coni: Ucraina. Bubka in lacrime “Il mio cuore è spezzato”

1 minuto di lettura

"Senza il vostro supporto non potremmo vincere" ha detto il presidente del comitato olimpico ucraino. ROMA (ITALPRESS) – "Non posso spiegare quanto sia difficile parlare, il mio cuore è spezzato. Questa è la mia prima conferenza da quando è cominciata la guerra, ho speso ogni energia per aiutare i nostri atleti, i nostri connazionali. Mia madre ha 85 anni e non può muoversi, non può stare in piedi a lungo, mio padre si prende cura di lei e sono a Donetsk: non ho notizie da tempo". Lo ha dichiarato Sergej Bubka, presidente del Comitato olimpico ucraino, in conferenza stampa a Roma dopo l'incontro al Centro di Preparazione Olimpica "Giulio Onesti" con il presidente del Coni Giovanni Malagò. "Siamo qui a causa della tragedia in corso nel Paese che mi ha dato la vita. Siamo qui perché il mondo dello sport è unito e compatto e noi vogliamo esprimere gratitudine agli amici e alle persone italiane, non solo alla famiglia dello sport, perché l'Italia è accanto all'Ucraina. Senza il vostro supporto non potremmo vincere", ha osservato l'olimpionico del salto con l'asta senza riuscire a trattenere le lacrime per la commozione. "Sembrava che questa guerra non potesse mai capitare, e invece è capitata. Ma non siamo soli e questo è importante – ha concluso Bubka – Non ho mai sentito una solidarietà simile. L'intero movimento olimpico è con l'Ucraina. Non dimenticheremo mai quello che state facendo, se stiamo insieme vinceremo". "Sono tempi difficili per il nostro Paese – ha dichiarato il ministro della Gioventù e dello Sport dell'Ucraina Vadym Guttasait – In questi momenti possiamo capire chi veramente ci è vicino, chi è nostro amico. E io voglio dire un grande grazie all'Italia, al governo, al Coni, a tutti i presidenti federali che ci stanno aiutando". (ITALPRESS). spf/gm/red 20-Apr-22 15:24

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Parmigiano Reggiano tra sostenibilità e benessere degli animali

Articolo successivo

A Giovanna Ralli il David alla carriera

0  0,00