Calcio: Conference. Zaniolo ci crede “Leicester? Noi siamo la roma”

2 minuti di lettura

"La tripletta contro il Bodo fantastica, una delle notti più belle della mia carriera", dice il giallorosso ROMA (ITALPRESS) – "Mourinho è uno dei più forti allenatori al mondo. Ha inculcato a tutti l'arte del non mollare mai, dell'essere sempre sul pezzo, dell'unirci l'uno per l'altro per portare a casa i risultati. E speriamo di vincere qualcosa con lui". A dirlo è Nicolò Zaniolo, centrocampista offensivo della Roma, intervistato dal sito ufficiale dell'Uefa. "Dal primo giorno che ci siamo riuniti a Trigoria, abbiamo subito lavorato giorno dopo giorno e tassello dopo tassello per provare a fare qualcosa di importante quest'anno. Con il mister che sa come fare a vincere, penso che abbiamo più possibilità". Il talento giallorosso, nell'ultima gara di Conference League contro il Bodo Glimt, ha realizzato una strepitosa tripletta che ha consentito alla Roma di approdare in semifinale: "E' stata la partita perfetta. Abbiamo fatto la fase difensiva e la fase offensiva in maniera eccezionale. Per quanto riguarda la tripletta sono molto felice perché ho aiutato la squadra a vincere la partita e passare il turno. Sul primo gol, nello specifico, quando vedi Lorenzo (Pellegrini, ndr) che ti guarda devi soltanto partire perché poi la palla ti arriva…". Prima della tripletta in Europa, per Zaniolo, la rete mancava dal 23 gennaio: "Non è mai stato la mia ossessione il gol, anche perché preferisco fare una grandissima prestazione e vincere la partita anche non segnando. Per fortuna sono riuscito a fare tre gol e ad aiutare la squadra, quindi sono ancora di più felice. Però non è mai stata una mia ossessione". Un match, quello contro i norvegesi, che il classe 1999 non dimenticherà facilmente: "Se avevo mai sognato una tripletta? Sì, e l'avevo sognata così! Non l'avevo immaginata. Stadio pieno, 65mila persone e quarti di finale di una coppa europea, partita decisiva dell'anno. Sì, l'avevo sognata così. Dico la verità, a inizio partita era difficile pensarlo, che potesse succedere, però alla fine ci sono riuscito e sono felicissimo. Direi che è stata una delle notti più belle della mia carriera. A partire dall'esordio al Bernabeu, la doppietta contro il Porto e questa tripletta contro il Bodo sì, sono le tre notti più significative della mia breve carriera, fino ad ora. Anche perché si tratta di tre notti europee". Sulla semifinale di Conference League contro il Leicester, Zaniolo ha le idee chiare: "È una semifinale europea. Il Leicester è una squadra forte. Corrono tanto, è una squadra fisica, la classica squadra inglese. Noi però siamo forti, siamo la Roma, abbiamo dimostrato quest'anno di potercela giocare con tutte: non abbiamo paura, andiamo a giocarci la partita con le nostre carte e con i nostri mezzi". Infine, sulla possibilità di vincere la coppa, il talento azzurro ha concluso: "Sarebbe motivo di grande orgoglio, sarebbe un punto di partenza e non un punto d'arrivo. Per i tifosi significherebbe tantissimo, come per noi! Quattordici anni di attesa per un titolo sono un po' troppo tempo. Quindi noi quest'anno ci proveremo a portarlo a casa. Per quanto riguarda il mio rapporto con i tifosi è sempre stato perfetto, eccezionale: sono sempre stati al mio fianco, anche nei momenti brutti degli infortuni. Forse lì ho ricevuto ancora più affetto rispetto a quando gioco: io i tifosi devo soltanto ringraziarli. Saranno sempre nel mio cuore", ha chiosato Zaniolo. – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). xd6/ari/red 25-Apr-22 18:18

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Covid, 24.878 nuovi casi e 93 decessi nelle ultime ore

Articolo successivo

Calciomercato: Psg. Stampa, Mbappè verso Real, chiarezza dopo il 21/5

0  0,00