Calcio: Soncin “Fiducia e coraggio, il Venezia può ancora farcela”

2 minuti di lettura

"Ho trovato un gruppo responsabile e determinato", dice il nuovo tecnico dei lagunari VENEZIA (ITALPRESS) – È il giorno di Andrea Soncin, arrivato mercoledì al posto di Paolo Zanetti per provare a rimettere in piedi il Venezia nelle ultime cinque gare e provare una raggiungere una salvezza che, al momento, avrebbe del miracoloso. Il neo tecnico arancioneroverde è stato presentato al centro sportivo Taliercio e per gli ultimi 20 giorni di campionato, ai ragazzi chiede fiducia e coraggio. "Dobbiamo riprendere ad avere fiducia e coraggio. Quando succedono cose del genere, i primi responsabili sono i giocatori. Ringrazio Paolo Zanetti; avevamo giocato assieme ed è stato importante per me. Ho trovato un gruppo responsabile ed è la cosa più importante. Dobbiamo cercare la svolta, ma se la squadra è quella vista questi giorni, possiamo farcela. Vogliamo arrivare all'ultima sfida di campionato con il Cagliari con ancora una possibilità di salvarci" dice l'ex attaccante dell'Ascoli. Il nuovo allenatore del Venezia non parte rassegnato, tutt'altro e ha la ricetta per provare a riemergere da questa situazione. "Punto su lavoro ed entusiasmo. Ringrazio la società per questa opportunità, anche se arriva in un momento delicato. Abbiamo ancora la possibilità di farcela, i ragazzi sono determinati e sta a loro fare la propria parte. Dobbiamo cercare la svolta ma se la squadra è quella vista questi giorni, possiamo farcela. Quando mi hanno chiamato sono stato sorpreso ma è stato un orgoglio, perché è stato apprezzato il lavoro fatto con la Primavera. È stata riconosciuta la gavetta fatta in questi anni; sono un ambizioso come lo ero da giocatore ma i protagonisti devono tornare i ragazzi. Dovremo lavorare sulla compattezza, si esce dalle situazioni difficili solo lavorando" continua Soncin. Per domenica contro la Juve, non ci saranno ancora Ebuehi, Modolo, operato in settimana, oltre ai portieri Lezzerini e Romolo. Vacca è recuperato. "Affrontiamo una squadra di valore, lo faremo con fiducia e coraggio, altrimenti non serve neppure entrare in campo. Dobbiamo lavorare sui nostri principi e poi in campo ritrovi quello che fai in allenamento durante la settimana. Serve spingere forte e occupare l'area avversaria con più uomini e se lo faremo potremo far male" precisa Soncin. Il benvenuto arriva dal direttore sportivo Mattia Collauto che non sventola la bandiera bianca. "Il campionato non è chiuso, proveremo e ribaltare i pronostici che ci vedono sfavoriti. Ma il calcio è pieno di ribaltoni e dobbiamo cercare quell'episodio che possa cambiare la testa dei calciatori. La prima parte della stagione ha dimostrato che il Venezia può stare in Serie A, poi si è inceppato qualcosa. Zanetti ha fatto la storia del Venezia, anche come persona; ha lasciato molto come uomo e il suo futuro sarà roseo: è un allenatore di livello superiore. Soncin può darci una mano importante, è creciuto e ha delle competenze. Conosce il calcio, con la Primavera aveva un compito difficile e ha fatto una parte di stagione importante. Ora ha una grande opportunità e proviamo a fare una cosa che, agli occhi di molti, pare impossibile" fa sapere il dirigente. – Foto rag/Italpress – (ITALPRESS). rag/ari/red 29-Apr-22 15:05

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Mattarella “Un dovere inderogabile garantire la sicurezza sul lavoro”

Articolo successivo

Calcio: Roma. Si scalda Veretout col Bologna, ansia Mkhitaryan

0  0,00