Calcio: Genoa. Blessin “Grinta e rispetto, ma nessuna paura con la Juve”

1 minuto di lettura

"Anche loro possono essere vulnerabili, abbiamo tre partite decisive", dice il tecnico rossoblù GENOVA (ITALPRESS) – Alexander Blessin non usa giri di parole quando gli chiedono cosa può servire al suo Genoa, alla disperata ricerca di punti salvezza, per battere la Juve: "Servono le palle…Quando perdi partite come quella con la Samp devi fare un'analisi: gli avversari hanno messo sul campo un gioco più duro, d'esperienza mentre noi no. Domani c'è la Juventus, con giocatori come Danilo, Dybala, Vlahovic che hanno qualità enorme e dovremo essere bravi a rispondere. Come? Servirà grinta, massimo rispetto per la Juve ma nessuna paura", spiega l'allenatore del Grifone, consapevole che bisogna prendere punti, possibilmente tutti, contro qualsiasi avversario. "In certe situazioni anche loro possono essere vulnerabili e dovremo lavorare su questo: davanti abbiamo tre partite decisive, non possiamo sbagliare assolutamente questi appuntamenti ma bisogna giocare in modo diverso rispetto alla gara con la Samp". La sconfitta nel derby è stata pesantissima e la rivalità cittadina ha poco importanza, se paragonata a una classifica che fa paura. Blessin cita un esempio per dare coraggio ai suoi ragazzi: "Il Villareal ha fatto una grandissima partita per grinta e coraggio, noi per le prossime tre gare dovremo fare lo stesso genere di prestazione con grinta e volontà". Spera di poter recuperare Sturaro che si era infortunato nel derby ma non sarà semplice: "Ha problemi che si porta dietro da tempo e se riesce a giocare la partita anche per noi sarebbe una sorpresa. Dovremo aspettare domani per vedere come sta anche se ovviamente non è nelle migliori condizioni. Se ci crediamo ancora e se ci credono i giocatori? Se guardo gli allenamenti di questa settimana i ragazzi si sono allenati benissimo. Abbiamo lavorato su tanti punti dove fare meglio contro la Juventus: quello che è importante è avere chiaro come affrontare i bianconeri. Per avere speranze bisogna lavorare su questi aspetti e bisognerà avere le palle e il coraggio per questa partita. Noi sappiamo che la Juventus avrà quattro giorni dopo la finale di Coppa Italia, ma indipendentemente da chi giocherà dovremo dare il massimo per metterla in difficoltà", conclude il tecnico. – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). ege/ari/red 05-Mag-22 19:38

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Cannes, a Forest Whitaker la Palma d’oro d’onore

Articolo successivo

Calcio: Milan. Florenzi torna in gruppo, dubbio Saelemaekers-Messias

0  0,00