Calcio: Agostini “Fiero di guidare il Gagliari, risultato a Salerno”

1 minuto di lettura

"Il mister, Conti e Cossu conoscono l'importanza della salvezza", dice il ds Capozucca CAGLIARI (ITALPRESS) – "Sono orgoglioso per aver avuto questa opportunità ma in questo momento l'unica cosa che conta è fare risultato a Salerno". Non ha mai amato i grandi discorsi perché ha preferito dare il meglio di se sul rettangolo di gioco. E questo è quello che ora Alessandro Agostini ha chiesto al suo Cagliari a due giorni dalla sfida che vale tutto un campionato. La gara di Salerno sarà l'ultima spiaggia per i rossoblù e l'attuale tecnico ne ha vissute tante di gare come questa da giocatore. Ora il suo punto di vista è cambiato e dovrà cercare di spingere i suoi ragazzi verso un'impresa che a un certo punto del campionato è diventata tremendamente complicata. Affiancato dal direttore sportivo Stefano Capozucca ("Crediamo nella salvezza"), nel pomeriggio di oggi Agostini ha tenuto la sua prima conferenza da allenatore della prima squadra dopo aver abbandonato, temporaneamente, la sua Primavera. "Emozioni? Non ho avuto modo di pensarci perché al momento non è una priorità. Quello che conta è raggiungere quel traguardo che tutti vogliamo". "Abbiamo scelto – lo ha incalzato il DS rossoblù – non certo un profilo di ripiego ma un tecnico che ha grandi capacità e soprattutto grande attaccamento a questa maglia. Accanto a lui lavoreranno Conti e Cossu perché tutti e tre conoscono l'importanza di ottenere la salvezza". Prima accomunati dalle sorti sul rettangolo di gioco, ora pronti a gestire, con ruoli diversi, la situazione di emergenza, toccherà ai tre moschettieri isolani cambiare passo in un momento tutt'altro che semplice della stagione. La vittoria della Salernitana sul Venezia ha complicato le cose in classifica ("Al momento, lo dice la classifica, siamo retrocessi" ha precisato Capozucca in modo che tutti stessero sul pezzo) ma l'apparenza serenità che Agostini ha cercato di riportare nello spogliatoio potrà essere l'arma in più per andare a caccia dell'impresa. "Discorsi tattici o tecnici – ha concluso il neo allenatore degli isolani – in questo momento non avrebbero senso. Sto continuando a valutare lo stato della rosa e poi farò le scelte. Giocatori dalla Primavera? In questo momento non ce ne saranno". Meglio puntare sulle cose più pratiche, su quelle che danno maggiori garanzie perché in questo momento non ci si possono permettere altri passi falsi, dopo i tanti commessi nell'arco di tutta la stagione. (ITALPRESS). gam/ari/red 06-Mag-22 17:44

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Van der Poel è la prima maglia rosa del Giro

Articolo successivo

Mattarella “Valorizzare l’unità delle Forze Armate”

0  0,00