Venezia, Soncin “Dobbiamo regalare una vittoria ai tifosi”

1 minuto di lettura

"Stiamo cercando di trovare delle risorse da parte di tutti". VENEZIA (ITALPRESS) – Contro il Bologna potrebbe arrivare la retrocessione in Serie B per il Venezia ma il tecnico Andrea Soncin vuole giocarsi le sue residue possibilità sino all'ultima goccia di sudore, anche se la sconfitta di Salerno di giovedì sera fa ancora male. "In queste ore, abbiamo cercato di ricaricarci a livello fisico e a livello emotivo; contro i felsinei dobbiamo mettere orgoglio e provare di tutto per regalare una gioia ai tifosi. Ora se c'è qualcosa dentro al cuore, le energie fisiche si trovano" è la strada indicata dal tecnico arancioneroverde. Con il suo avvento, si è visto un cambio modulo, puntando sulla difesa a tre e un centrocampo più robusto. Contro il Bologna, lo schema potrebbe essere replicato. "Stiamo cercando di trovare delle risorse da parte di tutti; l'altra sera, Peretz ha dato qualcosa a livello di atteggiamento e di approccio ed è stato chiamato in causa. In questi momenti, non ci sono solo gli aspetti tattici ma conta molto anche altro, come la voglia, il sacrificio, la determinazione. Invece Nanì e Cuisance devono dimostrare che hanno voglia di ritagliarsi uno spazio. A prescindere dalla classifica, servono giocatori che fino all'ultimo mettano orgoglio e dignità, cercando di fare il massimo, soprattutto ora che avremo due gare su tre in casa: da troppo tempo non si vince al Penzo e i tifosi devono tornare a gioire. Mi aspetto un ambiente deluso ma sta a noi a trasformare i tifosi, a trascinare il pubblico. Sta a noi dare qualcosa a loro, riportare entusiasmo" continua Soncin. L'allenatore ritorna sulla partita in Campania e, nonostante la sconfitta che a quasi sancito il ritorno in Serie B, per Soncin non è stato tutto da buttare. "L'approccio di giovedì non è stato sbagliato, il loro rigore è arrivato su un episodio fortuito, casuale. Abbiamo fatto la partita che dovevamo fare, nel nostro miglior momento, ci è mancato il coraggio di andarli ad aggredire molto alti. E questo non è determinato dai moduli, dal numero di attaccanti in campo o dal sistema di gioco ma solo dall'approccio mentale, che in alcuni momenti avevo visto pure a Torino e dobbiamo portare avanti per più tempo nel corso della gara" spiega Soncin. Domenica al Penzo farà ritorno in panchina Sinisa Mihajlovic, dopo le cure mediche. "Lui è un esempio anche di coraggio e fiducia. Lui è una grande persona e la dimostrazione di quanto bene abbia lavorato, si è visto durante la sua assenza. Il Bologna è organizzato, in salute, sarà una gara difficile. Dovremmo fare una grande prestazione di sacrificio, di aiuto, di spirito di squadra per far emergere le nostre qualità: nelle ultime due partite si sono viste" conclude Soncin. Per la gara di domani, sono stati venduti 6175 biglietti. – foto Italpress – (ITALPRESS). gm/red 07-Mag-22 18:42

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Salernitana, Nicola “Euforia ed energia alimentano nostro sogno”

0  0,00