Il Milan espugna Verona e torna a +2 sull’Inter

1 minuto di lettura

Prima rete di Faraoni, poi doppietta di Tonali e gol di Florenzi per l'1-3 finale. VERONA (ITALPRESS) – Una doppietta di Tonali e il sigillo di Florenzi permettono al Milan di battere in rimonta il Verona, per 3-1, e di riprendersi la vetta della classifica della Serie A. A due giornate dal termine i rossoneri sono a +2 dall'Inter. Per la prima volta nelle ultime quindici stagioni, il Milan tocca quota 80 dopo 36 giornate e contro Atalanta e Sassuolo "basteranno" quattro punti per vincere lo scudetto. Pioli lascia Bennacer in panchina e affida la mediana a Kessié e Tonali. Nel giorno del suo compleanno, l'azzurro è il protagonista assoluto. Al 15' va in gol dopo un duello vinto con Ilic ma c'è un fuorigioco di partenza. Poco dopo il numero 8 premia con un colpo di tacco la sovrapposizione di Calabria, che entra in area e calcia a botta sicura: Montipò si supera e salva in corner. Il Verona è in partita e si affaccia dalle parti di Maignan più volte. Al 23' Faraoni scatta sulla destra e crossa per Caprari, che si coordina ma non inquadra lo specchio. Al 35' fa quasi tutto Tameze, che recupera palla e lancia Simeone che da posizione defilata trova solo l'esterno della rete. Al 38' arriva l'1-0 del Verona sull'asse dei due esterni: Caprari vede l'inserimento di Lazovic, l'ex Genoa crossa e trova Faraoni, che di testa anticipa Krunic e porta in vantaggio i veneti. La partita si innervosisce, ma il Milan ha la lucidità di affidarsi ai suoi talenti. Leao è il quarto giocatore per dribbling riusciti nei maggiori cinque campionati europei in corso e tra fine primo tempo e inizio ripresa inventa la rimonta: al termine del primo tempo, dopo 3' di recupero, l'ex Lille sfonda in area sulla linea di fondo e serve l'assist perfetto per il tocco sotto porta del solito Tonali. La rete del 2-1 ha lo stesso copione: Leao brucia Barak e offre ancora una volta il pallone ideale per la conclusione da due passi di Tonali. Pioli dà minuti a Rebic, Messias e Bennacer. Tudor risponde cambiando uno spento Simeone con Lasagna. Ma Tomori e Kalulu fanno buona guardia in una difesa che ha subito solo due reti nelle ultime nove partite. E nel finale c'è gloria anche per Florenzi che (appena entrato) sfonda sulla destra e batte Montipò, con un diagonale imprendibile, per il definitivo 1-3. (ITALPRESS). spf/pdm/gm/red 08-Mag-22 22:47

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Serie A. Nicola “Si deciderà tutto all’ultima giornata”

0  0,00