Calcio: Ancelotti “Real-Liverpool senza segreti,Haaland?Mi tengo i miei”

1 minuto di lettura

"Conosco bene la squadra di Klopp e loro conoscono bene me e il Real", dice il tecnico dei blancos MADRID (SPAGNA) (ITALPRESS) – Campione di Spagna e con una finale di Champions che lo attende il 28 maggio a Parigi. Giorni particolari per il Real Madrid di Carlo Ancelotti con il tecnico italiano che sta vivendo una delle migliori stagioni della sua strepitosa carriera, un'annata che lui definisce semplice. "Sì, per il rapporto instaurato con i calciatori, nessuno mi ha creato problemi quando ho scelto di farli riposare, parlo di gente che ha vinto 4 Champions, in passato mi è successo con altri calciatori che non hanno gradito le mie scelte, questa è la differenza del Real Madrid, per un allenatore la cosa difficile è riuscire ad avere il gruppo sempre motivato". E lui c'è riuscito vincendo la Liga "in una maniera fantastica, meritata, siamo stati continui con due soli momenti difficili per le sconfitte con Espanyol e Barcellona, ma la squadra è sempre stata brava a reagire, un trionfo meritato senza se e senza ma". La sfida con il Levante del connazionale Tisci ("Personalmente non lo conosco, ma con lui la squadra è migliorata, giocano con coraggio e personalità e mi fa molto piacere poterlo conoscere") non conta nulla ai fini della classifica, ma secondo Ancelotti serve in chiave Champions. "E' una partita da giocare bene, l'obiettivo è di mantenere i ritmi alti e vincere", anche per tenere i muscoli caldi e la mente fresca in vista della finale con il Liverpool. "Nessuno pensava che potessimo arrivare in finale, ecco perchè c'è ancora più entusiasmo tra i nostri tifosi. Ieri ho visto il Liverpool, li ho studiati, ma li conosciamo molto bene io e il mio staff negli ultimi anni li abbiamo affrontati più volte sia con il Napoli che con l'Everton e anche loro conoscono molto bene me e il Real. E' una partita senza segreti, dobbiamo prepararla al meglio e con la massima tranquilità". Tanti elogi per Pintus, suo fedele collaboratore nonchè preparatore del Real con cui si appresta a vivere la settima finale di Champions, poi catenaccio sui possibili rinforzi del prossimo anno, tra Rudiger che è praticamente blanco e Mbappè sempre sospeso tra Real e Psg. "Non mi sembra corretto parlare di mercato ora, lo faremo dopo la finale di Champions, non è il momento di fare commenti su questi argomenti". Uno, però, lo fa e riguarda l'ufficialità del trasferimento di Haaland al Manchester City. "Un grande giocatore per un grande club. Però io mi tengo la mia squadra, i miei giocatori che mi hanno portato a alle emozioni di un'altra finale di Champions". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). ari/red 11-Mag-22 14:21

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tg news – 11/5/2022

0  0,00