Cip: Pancalli “Medaglie effetto collaterale, obiettivo allargare base”

1 minuto di lettura

"La nostra è una silenziosa rivoluzione culturale". ROMA (ITALPRESS) – "Faccio un lavoro bellissimo, perchè lo sport è la mia passione e si ha veramente la possibilità di cambiare un Paese attraverso lo sport. La nostra è una silenziosa rivoluzione culturale, attraverso l'immagine dei nostri straordinari atleti mostriamo come sia stata data l'opportunità di guardare a non quello che è stato perso ma a quello che è rimasto". A parlare, ospite di "Fuori Tg" su Rai3, è Luca Pancalli, presidente del Cip, che prova a fare un punto sulla situazione del movimento paralimpico in Italia. "La carenza di infrastrutture esiste e riguarda tutto il sistema sportivo Paese, c'è stata una profonda disattenzione e spesso incontriamo anche barriere di tipo fisico o sensoriale che ne impediscono l'utilizzo. Ora sta partendo un bando sugli ausili per tutti i ragazzi che non hanno praticato sport ma che possono accedere ad ausili che gli consentano di farlo: il nostro obiettivo è diffondere lo sport, allargare la base dei praticanti, le Paralimpiadi e le medaglie sono un effetto collaterale". Pancalli sottolinea poi come "grazie all'attività sportiva di alto livello sia cresciuta la ricerca tecnologica e i risultati ottenuti nello sport li ripresentiamo nella vita di tutti i giorni, un po' come accade con la Formula Uno e le macchine che guidiamo". – foto Image – (ITALPRESS). glb/red 12-Mag-22 12:55

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Basket: Trento, capitan Forray rinnova fino al 2024

Articolo successivo

Calcio: Gravina “Special Olympics meraviglioso progetto”

0  0,00