Suzuki “Trattiamo con Dorna per lasciare la MotoGp”

1 minuto di lettura

La casa giapponese pronta a lasciare al termine della stagione ROMA (ITALPRESS) – Dopo le voci circolate in occasione dei test di Jerez e la presa di posizione della Dorna Sports, Suzuki esce allo scoperto e conferma la volontà di mettere fine al suo impegno nel motomondiale. "Suzuki Motor Corporation sta discutendo con Dorna la possibilità di terminare la partecipazione di Suzuki alla MotoGP alla fine del 2022 – si legge in una nota – Sfortunatamente l'attuale situazione economica e la necessità di concentrare gli sforzi nei grandi cambiamenti in atto nel settore automotive mondiale di questi anni, costringono Suzuki a ridurre drasticamente i costi legati alle competizioni e a impiegare tutte le sue risorse economiche e umane allo sviluppo di nuove tecnologie. Per questa stessa ragione, Suzuki sta considerano di terminare anche altre attività legate alle competizioni. Vogliamo esprimere la più profonda gratitudine al Suzuki Ecstar Team, a tutti coloro che hanno sostenuto le attività racing di Suzuki negli anni e a tutti i tifosi Suzuki che ci hanno trasmesso entusiasmo e supporto". Quella della casa giapponese non è una decisione inedita visto che già a fine 2012 aveva fatto un passo indietro salvo poi tornare nella classe regina nel 2015. Resta comunque una scelta sorprendente considerando che nel 2020 erano arrivati sia il titolo costruttori che quello piloti con Joan Mir, tanto che era stato confermato l'impegno di Suzuki fino al 2026. Da qui anche la nota della Dorna subito dopo i primi rumours che ricordava come un'uscita dal motomondiale non potesse essere decisa "in modo unilaterale". Sia Mir che Alex Rins sono in scadenza a fine anno e per il primo si parla di un approdo alla Honda come compagno di squadra di Marc Marquez. – foto agenziafotogramma.it – (ITALPRESS). glb/red 12-Mag-22 10:50

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La guerra in Ucraina è già mondiale, e dall’Africa può arrivare in Italia

0  0,00