Cioffi “Concentrati sulla sfida contro lo Spezia”

1 minuto di lettura

Il tecnico dell'Udinese vuole chiudere bene l'annata alla Dacia Arena UDINE (ITALPRESS) – Ultimo impegno casalingo di questa stagione per l'Udinese. Alla Dacia Arena, domani, alle 18, i bianconeri ospitano lo Spezia. Carica l'ambiente il tecnico Gabriele Cioffi. "Abbiamo una grande responsabilità, perché sappiamo che rappresentiamo Udine e tutto il Friuli. Per quanto riguarda la classifica, a noi non interessa. A noi interessa il riconoscimento di un percorso che da dicembre ci ha visto avere una media punti da Europa e una resilienza che ci ha permesso di attraversare anche lo tsunami Covid vissuto nelle gare contro Atalanta, Juve e Genoa. Per noi sarà una partita di grande orgoglio e, quindi, non lo facciamo per la destra o la sinistra della classifica ma per noi stessi", ha detto l'allenatore del team friulano. "Affrontiamo un avversario che deve salvarsi e che viene qua per vincere. Troveranno davanti una squadra che non vuole concedere e fare un gol o, almeno, un gol più di loro, sapendo che ci saranno diverse fasi della partita che dobbiamo essere bravi a leggere e interpretare", ha aggiunto Cioffi. "Thiago Motta ha dato un'identità e solidità alla sua squadra. L'interpretazione che noi abbiamo deciso di dare alla partita prende ispirazione dal ciclismo che viene visto come uno sport individuale ma, in realtà, nelle corse a tappe, non vinci se non hai la squadra e noi domani vogliamo giocare da squadra", ha precisato Cioffi, a proposito dello Spezia, dove il tecnico dell'Udinese ha giocato. "Il primo pensiero va a Sergio Borgo che è la persone che mi scelse lì e fece una squadra di giocatori in cerca di autore tutti, poi, arrivati in Serie A. Eravamo tutti 'rottami' che lui ha ricomposto a livello fisico e mentale. Una delle frasi che mi diceva sempre era che un difensore deve essere semplice, concentrato e implacabile. E' una frase che mi è rimasta dentro e che riuso perché, per me, nella semplicità c'è il calcio. Inoltre mi diceva che sarei diventato un grande allenatore, grande no, perché non lo sono, ma allenatore sicuramente e credo che tanto sia dovuto a quello che lui ha innescato in me", ha ricordato Cioffi. – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). pdm/red 13-Mag-22 15:10

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Alvini “Perugia carico, tifosi sognano e noi ce la giochiamo”

Articolo successivo

Calcio: Fiorentina. Milenkovic “Il massimo per l’Europa, ci crediamo”

0  0,00