La Ue comprerà gas russo in rubli. Giù le armi ora?

1 minuto di lettura

Tempo di diplomazia? L’Unione Europea ha accettato con un escamotage di pagare il gas russo in rubli. Quando la realtà è più forte delle idee però le idee vengono vendute per definitive e assolute ogni volta. Insomma fine della retorica e il ritorno al confronto diplomatico?

E anche di Azovstal si può dire lo stesso: non è un’evacuazione come ci spiega l’esperto giornalista Toni Capuozzo: “E’ una resa. Certo, non una resa umiliante, non ci sono forche caudine. Non una resa vile, c’è un ordine del Comando supremo, e ci sono 80 giorni di resistenza, alle spalle. Ma non è una resa con l’onore delle armi: si finisce caricati sui bus verso un ospedale o verso centri di detenzione, con un futuro da scrivere tra scambi di prigionieri e forse processi. Ma è la fine della retorica, come se l’eroismo fosse un destino rimasto nel ‘900, il secolo cui appartengono gli strenui nazionalismi e i relitti ideologici che in questa guerra affiorano ogni tanto”.

Insomma è davvero la fine della demagogia e quella della cattiva informazione italiana a quanto pare. Finalmente si prende atto finalmente della realtà e almeno non ci si autoelimina da soli.
E ora non resta che vedere se von der Leyen e i leader dell’Unione si comporteranno di conseguenza anche nell’azione diplomatica. che arrivi il giù le armi e si cerchi l’accordo? Un leader mondiale che doveva avvicinare Putin al tavolo della mediazione gli ha dato del criminale di guerra e ha detto che doveva andare via dal governo russo. Forse almeno smetterà questo approccio.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Saldo e stralcio e rottamazione ter, scaduti i termini per i pagamenti

Articolo successivo

Calciomercato: Napoli. Il Real pensa a Ospina come secondo di Courtois

0  0,00