Allan “No rivolta contro Ancelotti, Napoli perse scudetto alla tv”

1 minuto di lettura

Il centrocampista dell'Everton: "Altro che capo, eravamo tutti con Carlo" ROMA (ITALPRESS) – "Resterò all'Everton, per quello che ne so: io in Inghilterra ci sto bene, ho la stima di un club del quale sono orgoglioso, con strutture impressionanti e al quale devo rispetto". Così, in un'intervista a 'Il Corriere dello Sport', Allan Marques Loureiro, detto semplicemente Allan, centrocampista brasiliano ex Udinese e Napoli che tra sei settimane tornerà a correre dopo l'operazione agli adduttori a cui si è sottoposto al termine della Premier League. Il verdeoro si sofferma anche sul presunto ammutinamento del 5 novembre 2019, al termine di Napoli-Salisburgo: "Vicenda triste, sulla quale sono state riportate inesattezze. Intanto, sgombero il campo da una falsità: che i calciatori fossero contro Ancelotti. Io uno dei promotori? Ruolo che mi venne incollato addosso e ho dovuto condividere con un paio di miei compagni, con Insigne ad esempio. Mentre, invece, quella fu una scelta di gruppo e il Napoli sapeva che ritenevamo ingiusto andare in ritiro". "Passai, con Lorenzo, come uno dei capi. Io che ero infortunato e che potevo non essere lì, che non giocai quella volta, scoprii di essere ritenuto un ideologo della sommossa. C'è chi aggiunse che ce l'avevo con Carlo, la persona più speciale che abbia incontrato e che mesi dopo mi avrebbe voluto con lui all'Everton. Ci furono malintesi che si sarebbero potuti chiarire, ma venne imposto il silenzio stampa e quindi fu impossibile parlarne. Cosa avremmo detto avessimo potuto? Che noi eravamo tutti con Carlo. Punto". C'è anche il capitolo dello scudetto sfumato a Firenze, nel 2018, con Sarri in panchina: "Accadde alla vigilia, davanti alla tv, nel momento in cui ci rendemmo conto che era finita, perché la Juventus, che vinse in casa dell'Inter, a quel punto aveva un calendario agevolissimo. Capimmo, in quella serata, quanto sia difficile vincere il campionato in Italia. E fu sotto gli occhi di tutti. Noi ci trovammo senza energia, eravamo distrutti – conclude Allan – Quel risultato divenne per noi frustrazione". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). mc/com 30-Mag-22 11:44

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ucraina, i russi premono mentre si prova a respingere l’offensiva

Articolo successivo

Il sovranismo dopo il sovranismo: attenti a Italexit

0  0,00