Calcio: Viscidi “Esperienza europea nazionali giovanili aiuterà Mancini”

1 minuto di lettura

"Poi starà al ct decidere quanto e come utilizzare i nostri ragazzi" FIRENZE (ITALPRESS) – "Dobbiamo completare e consolidare il nostro percorso che al momento ci vede in testa alla classifica". Sono le parole ai microfoni di RaiSport di Maurizio Viscidi, coordinatore delle nazionali giovanili azzurre, in vista degli ultimi tre impegni dell'Under 21 nel girone di qualificazione agli Europei di categoria. Lussemburgo, Svezia e Irlanda le prossime tappe della squadra di Paolo Nicolato, che a dispetto dello scetticismo iniziale ha dimostrato di saper giocare bene. "E' sempre così – commenta Viscidi – Sembra sempre di avere una squadra piu' scarsa rispetto agli anni precedenti, poi i ragazzi crescono, giocano, e ti accorgi che dei giocatori che hai all'inizio non sono piu' con te perche' sono stati promossi in Nazionale A e perche' hanno fatto bene. Il caso piu' eclatante è Tonali, che ha iniziato con noi il biennio e poi giustamente e' in Nazionale A ed è campione d'Italia col Milan". Sara' una Under 21 che fra infortuni e giocatori arruolati da Mancini si presenterà in Lussemburgo con qualche defezione di troppo. "Ci si deve un po' abituare alle assenze a fine stagione perche' i ragazzi, anche se sono giovani, arrivano da campionati difficili. Alcuni di loro hanno giocato tantissimo, per fortuna: qualcuno con degli esiti molto belli come i giocatori della Cremonese, qualcun altro con qualche scoria piu' difficile da smaltire come la retrocessione, ad esempio Lovato e Bellanova". Bellanova, come Udogie, in Lussemburgo però non ci sarà per problemi fisici e, come detto, mancheranno anche altri che Mancini ha voluto con sè. "La nostra funzione è aiutare i giovani, insieme ai club, a fare esperienza europea, per arrivare il piu' pronti possibili alla Nazionale A – ricorda Viscidi – La nostra vera missione come settore giovanile è quella di preparare per quanto possibile giocatori per Mancini e poi sta a lui decidere quanto e come utilizzarli". Fra i volti nuovi del gruppo di Nicolato anche alcuni elementi provenienti dall'Under 19 come Fabio Miretti. "E' proprio questa la funzione del coordinatore e delle nazionali giovanili – ha concluso Viscidi – Laddove ci sono dei movimenti a scalare verso la Nazionale A, ci devono essere dei movimenti a scalare verso l'Under 21. Abbiamo chiamato in conseguenza di queste scelte Miretti, un 2003 molto bravo della Juventus che ha già fatto 4 partite di serie A, ed Oristanio, giocatore di scuola Inter che quest'anno ha vinto il campionato di seconda divisione in Olanda. Sono i giusti movimenti a scalare che determinano quella che è la continuità del lavoro". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). xb8/glb/red 04-Giu-22 11:54

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Lazio “Problemi cronici preesistenti per Zaccagni e Lazzari”

Articolo successivo

Formula E: Evans vince a Giacarta davanti a Vergne e Mortara

0  0,00