Gattuso “Io razzista e omofobo? La mia storia parla per me”

1 minuto di lettura

Il tecnico si sfoga dopo la campagna social di una parte di tifosi del Valencia MILANO (ITALPRESS) – "La mia storia parla per me. Io razzista? Io omofobo? Io xenofobo? Io machista? Ma siamo impazziti? Qui è ora di darsi una calmata". Rino Gattuso non ci sta e sulle pagine della "Gazzetta dello Sport" replica alla campagna che si è scatenata sui social e guidata dall'ex presidente del Valencia, Miguel Zorio, per ostacolarne l'arrivo sulla panchina del Mestalla. "Allora cominciamo a spiegare: la frase sulle donne, pronunciata al momento dell'ingresso nel calcio di Barbara Berlusconi, voleva essere una difesa dell'operato di Galliani che era stato accantonato in malo modo – le parole di Gattuso – Razzista io? E allora perché avrei fatto acquistare, quand'ero al Napoli, Bakayoko? Mai avuto nulla contro i giocatori di colore, molti dei quali sono stati miei compagni di squadra e amici". "Che cosa sanno di me questi signori che parlano di razzismo, questi leoni che si nascondono dietro una tastiera o dietro un nickname? – si sfoga l'ex allenatore di Milan e Napoli – Vengo da un paesino della Calabria, Corigliano Calabro. Mi sono fatto da solo, da ragazzo sono andato a giocare in Scozia, ai Rangers di Glasgow: sapete che può voler dire per un 'terrone' trovarsi fuori dall'Italia e dimostrare a tutti di riuscire a cavarsela? La mia carriera l'ho costruita con la fatica, l'impegno, il sudore. Nessuno mi ha regalato nulla. E non permetterò più che qualcuno, con accuse terribili, ostacoli il mio lavoro". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). glb/red 04-Giu-22 09:05

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Caso Valbuena, Benzema rinuncia ad appello

Articolo successivo

Ucraina, prosegue la guerra ma timori per crisi alimentare globale

0  0,00