F.1: Vettel “Ritiro mi spaventa, non credo Hamilton si diverta”

1 minuto di lettura

"Il mio futuro dipende da quest'anno, in estate parleremo" LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – "Il ritiro mi fa paura? Sì. Sono in questo mondo da tutta la vita, non so com'è dopo la Formula Uno e non penso che ci siano sportivi che sappiano com'è dopo la fine della carriera". Sebastian Vettel è consapevole che la sua esperienza nel circus si avvia verso la fine. Il 34enne pilota tedesco, quattro volte campione del mondo con la Red Bull e poi per cinque anni in Ferrari prima del passaggio alla Aston Martin, confessa ai media inglesi i suoi timori. "Non mi aspetto di trovare qualcosa in futuro in cui sono davvero bravo perché l'avevo già trovato e sarà difficile che risucceda. Quante volte puoi vincere alla lotteria? Il mio futuro dipende da quest'anno e dalle prossime gare, non ho ancora deciso. In estate solitamente si inizia a parlare, vedremo". L'ultimo successo di Vettel risale al Gran Premio di Singapore 2019, poi nelle successive due stagioni il tedesco è stato lontano dalle posizioni che contano, un po' come sta succedendo ora a Hamilton. "Quando conosci questo sport come l'ho conosciuto io o Lewis, vincere ed essere al vertice è quello per cui lotti. Può entusiasmarti arrivare ottavo, dodicesimo o tredicesimo? No, specie quando sei arrivato primo così tante volte, e nel caso di Lewis più di ogni altro". "Alla Mercedes è arrivato Russell, che viene da tre anni alla Williams in cui soffriva nelle retrovie e ora si ritrova ottavo o dodicesimo e per lui è incredibile – sottolinea Vettel – Ognuno è diverso, ma credete che Lewis sarà entusiasta di finire ottavo come probabilmente lo è George? No, e sarei sorpreso se lo fosse". Vettel, fra i direttori dell'Assopiloti, torna poi sulle polemiche relative alla gestione della partenza a Montecarlo sotto la pioggia: "Quello che ci sta mancando è l'esperienza che aveva Michael Masi. Non è un ruolo facile ma spero che si calmino le cose e che si trovi un modo per lavorare tutti insieme. Non potranno mai essere tutti contenti ma bisogna provarci". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). glb/red 09-Giu-22 13:29

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Credito, Furlan “Le aziende bancarie devono rimanere sui territori”

Articolo successivo

Calcio: Serie C. Finale ritorno Palermo-Padova, arbitra Perenzoni

0  0,00