Premio di Architettura Federico Maggia 2022

1 minuto di lettura

Mario Calabresi condurrà giovedì 16 giugno a Biella la cerimonia di proclamazione del vincitore del Premio Federico Maggia 2022 dal titolo “Imparare dal territorio. Giovani progettisti fabbricano spazi di conoscenza”. Il Premio, giunto alla ottava edizione, la quarta nazionale, è stato bandito da Fondazione Sella con gli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri di Biella, ed è dedicato alla memoria dell’ingegnere architetto biellese Federico Maggia.

I dieci gruppi finalisti, giovani architetti e ingegneri under 30, hanno progettato piccole architetture sparse nel territorio biellese che rispondono al tema di questa edizione, formazione diffusa e apprendimento dal territorio, tramite il coinvolgimento della popolazione attraverso workshop e campagne di crowdfunding durante tutto il mese di maggio.

L’edizione 2022 del Premio, a cura di Federico Tranfa, ha promosso il confronto tra giovani progettisti non solo stimolando nuove visioni sugli spazi industriali biellesi, come era avvenuto nelle edizioni passate, ma lasciando in eredità al territorio manufatti costruiti, utili e utilizzabili che favoriscano relazioni inedite, azioni condivise e strategie immersive di appropriazione territoriale.

Biella e il suo territorio hanno nutrito il Premio offrendo ai partecipanti l’opportunità di confrontarsi con una realtà complessa, resa emblematica dalla storica vocazione produttiva della città. I 10 gruppi si sono cimentati nella costruzione di strutture utili, reversibili e di semplice manutenzione su 10 aree, pubbliche e private, messe a disposizione da enti, istituzioni o aziende biellesi: dall’Alta Valle Cervo, con le aree esterne della parrocchia di Campiglia Cervo e del Santuario di San Giovanni d’Andorno, alla scuola primaria  di Cossila, frazione di Biella sulla strada per il santuario di Oropa, lungo il Cervo in centro a Biella dal Lanificio Maurizio Sella sede di Fondazione Sella a Cittadellarte – Fondazione Pistoletto e infine a Vigliano Biellese nella splendida cornice dell’ottocentesca villa Era.

La giuria di questa edizione, che proclamerà i vincitori il 16 giugno (il Premio Maggia 2022 del valore di 10.000 euro e due menzioni), è stata scelta in forte coerenza con il tema dell’educazione e della sostenibilità: presidente è Luciano Pia, mentre gli altri membri sono Sandy Attia, Michel Carlana,Tullia Iori, Flavio Mangione, Martino Pedrozzi e Mariano Zanon.

Gli elaborati di progetto saranno esposti in una mostra che verrà allestita in una sede dedicata all’interno del Lanificio Maurizio Sella fino al 30 luglio.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

L’Accademia Silvio d’Amico al Teatro India

Articolo successivo

Remote Working. Aidr, lo studio di Randstad, traccia il futuro del lavoro

0  0,00