Successo delle azzurre sulla Serbia in Nations League

1 minuto di lettura

Nella prima partita in Brasile, Egonu e compagne vincono in rimonta per 3-1 BRASILIA (BRASILE) (ITALPRESS) – Parte bene la trasferta brasiliana dell'Italvolley di Davide Mazzanti nella Pool 3 di Nations League. Le azzurre debuttano a Brasilia superando 3-1 la Serbia (21-25; 25-14; 25-15; 25-20) e conquistando un importantissimo terzo successo nel torneo. Dopo aver concesso il primo set alla squadra di Daniele Santarelli l'Italia ha saputo imporre il proprio ritmo ribaltando il match con cinismo e mostrando un gioco fluido ed equilibrato. Ottime prestazioni per le azzurre alla prima in Nations League, Egonu (22 punti), Bosetti e Danesi, supportate dall'impatto di grande consistenza di De Gennaro, Chirichella, Malinov e Degradi. Per mercoledì previsto un turno di riposo, appuntamento a giovedì contro la Germania alle 23 italiane. L'Italia si è presentata in campo con Malinov in regia, Degradi e Bosetti come schiacciatrici, Danesi e Chirichella al centro, Egonu opposto e De Gennaro libero. L'avvio di match è stato molto equilibrato con l'Italia che ha aperto le danze con Degradi e Malinov e la Serbia che ha risposto con Bjelica. Andato sotto 9-13, Malinov e compagne non sono riuscite a rimettersi in scia e neanche un ace di Bosetti e due giocate di Egonu sono state sufficienti per cambiare l'inerzia del primo set. L'Italia fa meglio nel secondo parziale dove un ace di Bosetti ha aperto il break ampliato da due fast di Chirichella, un muro ed una giocata di seconda di Malinov (12-6). Con una ricezione ritrovata ed un muro via via sempre più insormontabile, le azzurre trascinate da Egonu, Chirichella e Degradi, hanno pareggiato i conti (25-14). A quel punto le ragazze di Davide Mazzanti hanno preso in mano il match: 11-3 in apertura di terzo parziale dove riescono tenere un gap costante di 6-7 lunghezze, con attacchi decisivi della solita Egonu, fino a chiudere sul 25-15 in poco più di 20'. La musica non è cambiata alla ripresa del gioco: Degradi ed Egonu hanno continuato a martellare in attacco sorrette in ricezione e difesa dalla solita sontuosa De Gennaro. La Serbia ha provato a rifarsi sotto (20-17) ma l'attacco vincente di Degradi ha sentenziato la sfida (25-20). "Alcune delle ragazze non giocavano da un po', ci abbiamo messo del tempo a prendere ritmo e la squadra è stata molto brava a non abbattersi al termine del primo set – l'analis di Mazzanti – Ho semplicemente detto alle ragazze di avere pazienza perché avevamo tutte le possibilità per ribaltare la partita". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). glb/com 15-Giu-22 08:46

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Catania, Elena uccisa a 5 anni dalla mamma

0  0,00