Calcio: nuovi dirigenti al Venezia, Molinaro inizia carriera da dt

1 minuto di lettura

Dopo l'addio di Poggi, affidata all'ex terzino l'area tecnica. VENEZIA (ITALPRESS) – Dopo il saluto di Paolo Poggi, il Venezia volta pagina e lo staff dirigenziale ha i volti di Cristian Molinaro (che chiude la sua esperienza di calcio giocato), Morris Donati e Alex Menta. Se per i primi due si tratta di un nuovo incarico (Molinaro come responsabile dell'area tecnica. Donati sarà il direttore sportivo in attesa di completare il corso), Menta continuerà a lavorare come ha fatto negli ultimi anni nel ruolo di Analista. "Vogliamo dare opportunità ai giovani e abbiamo fiducia in Cristian Molinaro, Alex Menta e Morris Donati. Molinaro si è confermato pronto per essere il responsabile dell'area tecnica, mentre Donati si è iscritto al corso di direttore sportivo e il suo temperamento è indicato per fare delle scelte. Il ruolo di statistico è fatto su misura per Menta", esordisce il presidente. Per il ruolo di direttore sportivo, a interim, c'è Davide Brendolin, mentre sulle parole dell'ex direttore dell'area tecnica Paolo Poggi, che ha dichiarato di non condividere il progetto, il presidente americano tende la mano. "Lo comprendo, il suo pensiero va preso come un'occasione di crescita. Può succedere che ci siano dei disaccordi, forse non si è sentito più allineato e la sua opinione deve essere rispettata. Poggi farà sempre parte della famiglia del Venezia". Il presidente ha anticipato che la squadra non andrà a San Vito di Cadore, perché le condizioni del campo non soddisfano la società, mentre Soncin resterà con la Primavera, Henry andrà via. Molinaro si è già calato nel nuovo ruolo. "Negli ultimi tempi, ho pensato di concludere la carriera. Avevo ancora un accordo biennale, poi si è presentata questa possibilità e, dopo aver riflettuto, ho deciso di fare questo passo. Ringrazio dell'opportunità che mi è stata data. Ne ho parlato con il presidente Niederauer e ho fatto questa scelta. Ho fatto una carriera bellissima, mi sono preso delle soddisfazioni, sono arrivato in Nazionale, in Champions League. Quando sono arrivato a Venezia, sapevo il ruolo che avrei ricoperto. Quest'anno siamo retrocessi e abbiamo imparato parecchio. Negli ultimi mesi, stare fuori non è stato il massimo ma il mio obiettivo era aiutare i ragazzi", spiega l'ex laterale della Juventus, nuovo direttore tecnico dei lagunari. Alex Menta, invece, si difende dagli attacchi dei tifosi subiti nelle scorse settimane. "Abbiamo visto oltre 250 partite, l'algoritmo è solo un fattore, serve a completare il processo decisionale. Collauto e Poggi hanno fatto molto per me, i rapporti personali sono eccellenti. Sono persone generose e sempre disponibili", dichiara lo statunitense. – foto Italpress – (ITALPRESS). rag/pdm/red 17-Giu-22 14:27

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Nasce Philip Morris Imc, nuovo centro alta formazione per Industria 4.0

Articolo successivo

Altro che tecnocrati, in BCE (purtroppo) comanda la politica

0  0,00