Sincro: Mondiali. Azzurre seconde dopo eliminatorie highlight

1 minuto di lettura

Gemma Galli e compagne seguono l'Ucraina e precedono la Spagna. BUDAPEST (UNGHERIA) (ITALPRESS) – Ai Mondiali di nuoto sincronizzato, a Budapest, è il giorno degli highlight, l'esercizio tutto salti e spinte dove le azzurre hanno sorpreso il mondo a Gwangju 2019 conquistando la medaglia d'argento alle spalle dell'Ucraina. Quest'anno nella squadra azzurra ci sono tre new entry: Iacoacci, Murru e Zunino in sostituzione di Callegari, Deidda e Pezone. L'Ucraina è praticamente un'altra squadra con le sole gemelle del doppio Maryna e Sofia Aleksiva più Veronika Hryshko che hanno resistito alla rivoluzione tecnica. E a differenza di Gwangju, qui a Budapest sono previsti preliminari e finale. Nell'eliminatoria il nuovo highlight ucraino è ancora al comando della classifica con 94.2333 (28.1, 37.7333 e 28.4). Della serie, cambiano le protagoniste ma la scuola resta sempre vincente. E' così anche per le splendide ragazze azzurre, che seguono al secondo posto con 91.6667 (27.5 per l'esecuzione, 36.6667 per l'impressione e 27.5 pe le difficoltà). Stavolta sono loro "la lepre" e devono difendersi dalla voglia di riscatto della Spagna che le tallonava in Corea, dai progressi del Canada (quarto nel 2019) e dal "magic moment" della Grecia, che da quest'anno porta pure questo esercizio. La Spagna totalizza 91.3667 ed è ancora insidiosa; mentre Grecia e Canada non sembrano poter preoccupare con i rispettivi 87.6000 e 85.1000 punti. L'Italia ripropone Highlight Flags of Our Fathers di Rise of Evil del compositore e orchestratore romano Antongiulio Frulio, che ha curato anche le musiche della squadra. Il tema del dragone ricorre frequentemente nella mitologia legata alle antiche civiltà e allude all'eterno conflitto tra luce e ombra. Il drago simboleggia le difficoltà che l'uomo deve superare, allo scopo di superare se stesso. L'impatto scenico è forte. La coreografia è del direttore tecnico Patrizia Giallombardo e del suo staff. Le dieci ragazze sono: Domiziana Cavanna, Lida Cerruti, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Gemma Galli, Marta Iacoacci, Marta Murru, Enrica Piccoli, Federica Sala e Francesca Zunino. – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). pdm/com 23-Giu-22 12:35

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Regionali, Musumeci “Io scomodo in una Sicilia che finge di cambiare”

Articolo successivo

Mattarella “Non esistono soluzioni locali a sfide globali”

0  0,00