F.1: Epiteto razzista contro Hamilton, Piquet nella bufera

1 minuto di lettura

Ferma condanna del circus oltre che di Fia e Mercedes verso l'ex pilota LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Nelson Piquet nella bufera. Il 69enne tre volte campione del mondo di Formula Uno si è reso protagonista dell'ennesima uscita infelice, sconfinando stavolta nel razzismo. Tutto nasce da un'intervista concessa lo scorso novembre in cui, commentando l'incidente di Silverstone fra Lewis Hamilton e Max Verstappen, si riferiva al pilota Mercedes utilizzando il termine "neguinho", "negretto", sostenendo che era stato "fortunato" che non fosse successo nulla di grave all'olandese. Un'intervista che all'epoca era passata inosservata ma che è stata riproposta sui social nei giorni scorsi, provocando la reazione dura di Formula Uno, Fia e Mercedes. "Un linguaggio discriminatorio o razzista è inaccettabile in qualsiasi forma e non ha spazio nella società – la posizione del circus – Lewis è un incredibile ambasciatore del nostro sport e merita rispetto. I suoi sforzi instancabili per la diversità e l'inclusione sono una lezione per tanti e qualcosa per cui ci impegniamo anche in Formula Uno". "Condanniamo fermamente qualsiasi tipo di linguaggio razzista o discriminatorio – si schiera la Mercedes – Lewis ha guidato gli sforzi del nostro sport per combattere il razzismo ed è un vero campione della diversità dentro e fuori la pista". "Insieme – si legge ancora nella nota Mercedes – condividiamo una visione per un motorsport all'insegna della diversità e inclusivo e quanto successo sottolinea l'importanza fondamentale di continuare a lottare per un futuro più luminoso". Anche la Fia, nel sottolineare la propria "solidarietà a Hamilton e il pieno sostegno al sui impegno per l'eguaglianza, la diversità e l'inclusione nel motorsport", condanna "qualsiasi comportamento o linguaggio razzista o discriminatorio che non ha spazio nel nostro sport". Papà di Kelly Piquet, attuale partner di Verstappen, l'ex pilota brasiliano già in passato aveva fatto discutere per certe uscite, come quando parlava di Senna in senso dispregiativo come "il tassista di San Paolo", o per i commenti offensivi rivolti alla moglie di Mansell, quando i due erano compagni di squadra alla Williams. – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). glb/red 28-Giu-22 13:51

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Nasce “Oceano verticale”, patto Bicocca-Maldive per la biodiversità

Articolo successivo

Giro di prostituzione nel Catanese, chiuse 4 case a luci rosse

0  0,00