Calcio: La Juve saluta ufficialmente Dybala, Morata e Bernardeschi

2 minuti di lettura

"Suerte", "Grazie" e "Ciao" per i tre giocatori ai quali scade il contratto. TORINO (ITALPRESS) – Giornata di saluti ufficiali in casa Juventus. Il club bianconero, attraverso il proprio sito, ha detto "suerte", "grazie" e "ciao" a Paulo Dybala, Alvaro Morata e Federico Bernardeschi, ai quali oggi scade il contratto che li legava alla società torinese. Il primo saluto è per Dybala. "E' arrivato che era una giovane e talentuosa promessa, e ora saluta la Juve portando con sé bagaglio di esperienze che lo hanno reso il campione che è; la carriera di Paulo Dybala continuerà infatti lontano da Torino. Si diceva, un bagaglio costruito insieme, in questi 7 anni. Un bagaglio che per Paulo è composto da 293 presenze, 115 gol, 45 assist e ben 12 titoli vinti", ha scritto la Juve. "Questi numeri, se approfonditi, raccontano tante cose: per esempio, Paulo detiene il nono posto all-time nella classifica dei migliori marcatori nella storia della Juventus, considerando tutte le competizioni; è il decimo miglior marcatore in Serie A, terzo all-time bianconero in Europa, con 18 gol messi a segno in Champions League. E sempre parlando di gol, due primati: Dybala è il giocatore che ha segnato più volte (68) all'Allianz Stadium, considerando tutte le competizioni ed è il bianconero che ha segnato più gol da fuori area (25) in Serie A", si legge ancora nella nota odierna. "Un grande percorso, quello vissuto insieme, fatto non solo di gol e vittorie, ma di grandi giocate, nottate indimenticabili, prestazioni di qualità assoluta. E per tutto questo lo ringrazieremo sempre. Buona fortuna, anzi, suerte, Joya", ha concluso la Juve. A ruota, l'addio a Morata. "Si chiude l'avventura di Alvaro alla Juventus. L'attaccante spagnolo, in prestito dall'Atletico Madrid nelle ultime due stagioni, saluta per la seconda volta i colori bianconeri. Il legame tra Alvaro e la Juve è nato tanti anni fa e le esperienze vissute insieme, che hanno portato a due scudetti, due Coppe Italia e una Supercoppa, oltre al cammino fino alla finale di Champions League di Berlino nel 2015, hanno fatto sì che diventasse così solido da non spezzarsi nemmeno quando le strade si sono separate per la prima volta. Era il 21 giugno 2016, ma quel saluto che poteva sembrare un addio non era altro che un arrivederci", ha scritto il club bianconero. "Così, quattro anni più tardi, è cominciata la seconda avventura di Alvaro con la Juventus. Avevamo salutato un ragazzo con un futuro tutto da scrivere, a Torino è tornato un uomo con tante esperienze sulle spalle, pronto a riabbracciare un passato mai davvero dimenticato per vivere altri momenti indimenticabili", si legge poi sul sito della Juve. "La seconda prima stagione di Alvaro Morata con la Juventus si chiude con un bottino di venti gol in tutte le competizioni e altri due trofei conquistati insieme: Coppa Italia e Supercoppa Italiana. Con Alvaro che ha dato tutto sé stesso in ogni singola partita, in ogni allenamento, con la volontà di aiutare la squadra in qualsiasi momento", ha precisato il club bianconero, augurando allo spagnolo "Buona fortuna per il tuo futuro. E grazie di tutto". Terzo saluto per Bernardeschi. "Le strade della Juventus e di Federico si separano dopo cinque stagioni. E si dividono dopo aver vinto insieme 3 Scudetti, 2 Coppe Italia e 2 Supercoppe italiane. Campione d'Europa con l'Italia nell'estate scorsa, Federico lascia i nostri colori senza aver mai fatto mancare impegno e serietà e lo dimostrano anche i numeri: in tutte le annate trascorse a Torino ha sempre totalizzato almeno 30 presenze, tenendo in considerazione tutte le competizioni. Un dato semplice che dimostra, però, quanto la sua duttilità sia stata un valore aggiunto importante", ha scritto la Juve. "Scendendo più nel dettaglio: sono 183 le sue presenze complessive con la Juventus, arricchite da 12 reti e 20 assist, per un totale di 8735 minuti giocati in questi cinque anni. Da quando è arrivato, dalla stagione 2017/18 in avanti, Federico ha disputato 134 partite di Serie A: tra i giocatori di movimento bianconeri ne contano di più, nel periodo, solo Cuadrado (135), Alex Sandro (140) e Dybala (145). Oggi si chiude un lungo capitolo scritto insieme e, come sempre accade in questi casi, noi ti ringraziamo, Federico, e ti auguriamo buona fortuna per il futuro", ha concluso il club bianconero. – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). pdm/red 30-Giu-22 11:19

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

“Ius scholae”? Serve più ai partiti che agli immigrati

Articolo successivo

Milano, 14 arresti e sequestrati 33 mln per reati fallimentari

0  0,00