F.1: Gp Austria. Insulti omofobi e razzisti, inchiesta Fia su tifosi

1 minuto di lettura

SPIELBERG (AUSTRIA) (ITALPRESS) – A meno di un paio d'ore dal via del Gran Premio d'Austria, la Fia ha annunciato di aver aperto un'inchiesta in merito a presunti "comportamenti inaccettabili" tenuti da alcuni tifosi presenti sul circuito e denunciati tramite social network. Si tratterebbe di insulti razzisti e omofobi, alcune donne dicono inoltre di essere state vittime di molestie sessuali. "Siamo stati informati del fatto che alcuni supporters hanno utilizzati frasi totalmente inappropriate nei confronti di altri partecipanti all'evento – scrive la Fia nella nota -. Questo tipo di comportamento è inaccettabile e non sarà tollerato. Tutti i tifosi devono essere trattati con rispetto". Nel mirino ci sarebbero in particolare i tifosi di Max Verstappen, particolarmente numerosi in questo weekend al Red Bull Ring. "Sono disgustato e deluso nel sentire che ci sono cori razzisti, omofobi e in generale offensivi su questo circuito", ha commentato via Instagram Lewis Hamilton. "L'attesa del Gran premio d'Austria o di qualsiasi Gp non dovrebbe mai essere fonte di ansia e dolore per i tifosi e bisogna fare qualcosa per assicurarsi che le gare siano spazi sicuri per tutti – ha aggiunto -. Per favore, se vedete che ciò accade, parlatene con la sicurezza del circuito e con la F1. Non possiamo permettere che ciò continui". (ITALPRESS). fsc/red 10-Lug-22 13:52

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Confagricoltura: contro la siccità, commissario e cambiare Pnrr

Articolo successivo

Nuoto: World Series Fondo. Paltrinieri trascina l’Italia nella 4×1500

0  0,00