Atletica: Mondiali. Vallortigara ci prova nella finale dell’alto

1 minuto di lettura

La gara della veneta e le semifinali dei 200 con Tortu e Kaddari nel programma di Eugene. EUGENE (USA) (ITALPRESS) – È l'occasione di Elena Vallortigara. Quando in Italia saranno le 2.40 (le 17.40 dell'Oregon) della notte tra martedì e mercoledì scatterà la finale del salto in alto femminile ai Mondiali di atletica leggera, in scena a Eugene. La saltatrice azzurra, 30enne, di Schio, fortificata da una convincente qualificazione senza errori (fino a 1,93 alla prima prova), affronta la prima finale iridata all'aperto della carriera, dopo aver incassato il sesto posto ai Mondiali indoor di Belgrado in marzo. "Ho tanto desiderato quanto temuto questa qualificazione. Sgretolare i miei dubbi e le mie paure con quattro bandierine bianche e una 'q' dopo il mio nome è il meglio che potessi fare. L'opportunità di vivere appieno un'esperienza come questa mi rende felice, completa, ma soprattutto pronta", ha scritto su Instagram la veneta, dei Carabinieri. Favoritissima, e non potrebbe essere altrimenti, è la campionessa al coperto Yaroslava Mahuchikh (Ucraina), accreditata di uno stagionale di 2,03 e dominatrice della stagione. Tra le altre donne da podio, occhio alle australiane Eleanor Patterson e Nicola Olyslagers, e all'altra ucraina Iryna Gerashchenko. La progressione parte da 1,84 e prosegue a 1,89, 1,93, 1,96, quindi le misure "calde" di 1,98 e 2,00. Nella quinta giornata iridata a Hayward Field, tornano anche in pista i duecentisti Filippo Tortu e Dalia Kaddari, impegnati nelle rispettive semifinali (alle 3.05 le donne, alle 3.50 gli uomini). – foto livephotosport.it – (ITALPRESS). pdm/com 19-Lug-22 15:33

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Europei donne. Gravina “Amarezza ma subito testa ai Mondiali”

Articolo successivo

Covid, picco superato ma salgono i ricoveri

0  0,00