Calcio: Juve. Gatti “La gavetta la mia forza, ora imparo da Bonucci”

1 minuto di lettura

"Colpito dall'impressionante umiltà dei campioni che ho come nuovi compagni" dice l'ex Frosinone TORINO (ITALPRESS) – "Questa è un'esperienza enorme, sin dal primo giorno che sono qua. Imparo oggi giorno qualcosa di nuovo, è fondamentale per la mia crescita. Adesso avremo le prime partite, non vedo l'ora anche perché affrontiamo squadre molto forti". Così Federico Gatti, difensore centrale della Juventus, ai microfoni di JTV dall'aereo che ha portato i bianconeri in America, dove affronteranno in amichevole Club Deportivo Guadalajara, Barcellona e Real Madrid. "Le prime settimane alla Juve? E' un ambiente totalmente differente rispetto al passato, sono arrivato in uno dei top club a livello europeo, non ti fanno mancare nulla. Con l'umiltà e la voglia qua si è destinati solamente a migliorare. Mi hanno colpito tantissime cose a cui non ero abituato, a partire dall'organizzazione di staff e società, il ritmo in allenamento ma soprattutto i miei compagni che sono dei campioni e si sono posti nei miei confronti con un'umiltà impressionante". "La mia vita è stata stravolta – ha aggiunto Gatti -. Però c'è ancora tanto da scrivere e voglio ancora stravolgerla. La gavetta che ho fatto è stata la mia forza e lo è tutt'oggi perché mi dà cattiveria e voglia di non mollare mai. Mi fa strano tornare a Torino, la mia famiglia abita a 500 metri dallo Stadium. È un'emozione incredibile". Infine, su Allegri e Bonucci: "Da Leo cerco di imparare giorno dopo giorno perché è un campione e un grandissimo uomo. Sia lui che il mister mi insegnano piccoli particolari che in passato nessuno mi hai mai insegnato. Voglio farmi trovare pronto", ha concluso l'ex Frosinone. – foto Image – (ITALPRESS). xd6/ari/red 22-Lug-22 17:30

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Tg Sport – 22/7/2022

Articolo successivo

Al Tour acuto di Laporte, 3° Dainese, Vingegaard leader

0  0,00