Sincro: Europei. Minisini all’esordio nel singolo

2 minuti di lettura

Il campione del mondo del doppio mixed guida la spedizione azzurra a Roma. ROMA (ITALPRESS) – L'Italia del nuoto sincronizzato raddoppia. Assieme alla Nazionale maggiore, che sarà in gara negli Europei dall'11 al 15 agosto nella piscina all'interno dello Stadio Nicola Pietrangeli, al Parco del Foro Italico di Roma, ci sarà la Nazionale B a introdurre le finali nel ruolo di pre-swimmer. Si tratta di una tradizione delle gare mondiali e continentali, interrotta a Budapest ma che Roma2022 ha voluto proseguire e che servirà ai nostri azzurrini anche per maturare esperienza internazionale di altissimo livello. I Campionati Europei delle discipline acquatiche tornano a Roma dopo quasi 40 anni, 39 per l'esattezza: l'ultima e finora unica edizione è stata quella del 1983, alla quale il sincro azzurro partecipava per la seconda volta, dopo l'esordio a Spalato 1981, e dove le italiane si classificarono seste con la squadra e settime con singolo (Antonella Terenzi) e col doppio (Terenzi e Alessandra Ripetti). Da allora agli Europei l'Italia del nuoto sincronizzato e artistico ha conquistato 41 medaglie: 12 argenti e 29 bronzi. La prima è stata la medaglia di bronzo con la squadra ad Atene 1991, l'ultima quella d'argento di Linda Cerruti nel singolo free a Glasgow il 7 agosto 2018 (la nona dell'Italia allo Scotstoun Sports Campus). A Budapest 2021, edizione post covid, tra infortuni e indisponibilità partecipammo con quattro atleti: Marta Murru per solo e duo, Veronica Gallo per il duo, Isotta Sportelli e Nicolò Ogliari per il mixed. Dalla bacheca continentale manca la medaglia d'oro e con i bicampioni del mondo del doppio mixed Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero che partono favoriti e l'esordio internazionale di Giorgio Minisini nel singolo maschile (ai campionati assoluti l'ha già nuotato diverse volte) l'asticella delle aspettative si alza notevolemente. L'Italsincro 2.0 arriva all'appuntamento top della stagione, dopo un percorso netto, in cui ha ottenuto risultati importanti in tutte le categorie. Alla prima, storica, vittoria del trofeo per Nazioni e le cinque medaglie record conquistate ai campionati del mondo a Budapest a giugno (2 d'oro con Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero, una d'argento con gli Highlight, 2 di bronzo nel Libero combinato e nel Team tecnico), sono seguiti i 7 argenti e 5 bronzi ai campionati europei juniores ad Alicante all'inizio di luglio – dove per la prima volta si è disputata la gara individuale maschile nella quale Filippo Pelati si è piazzato secondo nel tecnico e terzo nel libero – e il secondo posto agli European Youth Artistic Swimming con sette medaglie (2 d'oro, 4 d'argento e una di bronzo) della selezione under 15 l'ultima settimana di luglio, con Filippo Pelati che si è esibito di nuovo nel solo free (stavolta secondo). Questi gli azzurri convocati come Italia A: Marta Iacoacci (Aurelia Nuoto), Giorgio Minisini (Fiamme Oro/Aurelia Nuoto), Lucrezia Ruggiero e Isotta Sportelli (Fiamme Oro/Aurelia Nuoto), Domiziana Cavanna e Francesca Zunino (RN Savona/Fiamme Oro), Linda Cerruti, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Marta Murru (RN Savona/Marina Militare), Gemma Galli (Busto Nuoto/Marina Militare), Veronica Gallo (Plebiscito Padova), Federica Sala (RN Savona), Enrica Piccoli (Montebelluna Nuoto/Fiamme Oro). Questo lo staff azzurro: direttore tecnico Patrizia Giallombardo, tecnico responsabile degli esercizi di squadra Roberta Farinelli, collaboratrice tecnica Giovanna Burlando, collaboratorice tecnica Joey Paccagnella, medico Gianfranco Colombo, fisioterapista Sara Lupo e giudici Pierangela Lupi e Eliana De Liddo. – foto agenziafotogramma.it – (ITALPRESS). pdm/red 04-Ago-22 15:26

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Milano, Comitato per un nuovo San Siro accelera “Noi nel dibattito”

0  0,00