Supercoppa Europea: Real-Eintracht, Ancelotti “Ripartire vincendo”

2 minuti di lettura

Il tecnico dei tedeschi Oliver Glasner: "Non vediamo l'ora di affrontarli" MADRID (SPAGNA) (ITALPRESS) – Carlo Ancelotti e le coppe europee, un binomio indissolubile e vincente. Il tecnico del Real Madrid, che nella scorsa stagione ha vinto tutto, ha alzato al cielo – a maggio – la sua quarta Champions League da allenatore: due con i blancos e due col Milan. Adesso si appresta a giocarsi la quarta Supercoppa Europea, ad Helsinki, il 10 agosto contro l'Eintracht Francoforte, formazione tedesca cha ha conquistato l'Europa League. "Abbiamo qualche svantaggio in più rispetto all'Eintracht, che inizia la stagione prima, ma giocheremo per vincere – sottolinea Ancelotti al sito Uefa -. Guardiamo avanti e non indietro. Le vittorie dell'anno scorso rafforzano ciò in cui crediamo, ma dobbiamo concentrarci sulle prossime partite. Nella prossima stagione, ci sono sei titoli in palio e vogliamo lottare per tutti loro. L'anno scorso, l'Eintracht ha ottenuto qualcosa di speciale perché non era tra i favoriti. Hanno giocato grandi partite, vincendo contro il Barcellona al Camp Nou giocando uno stile di calcio in contropiede, con grande attenzione alla difesa e alle transizioni ad alta velocità". L'esperto tecnico italiano ha anche parlato del suo personale primato, ovvero quello di essere il primo allenatore quattro volte vincitore della Champions League e vincere titoli in tutti i primi cinque campionati europei: "Sono estremamente orgoglioso di tutto questo. È stata una stagione incredibile per me, così come per il Real Madrid. Naturalmente, tornare al Real è stato estremamente gratificante per me. Per me è importante continuare a essere l'allenatore di questo grande club e di questa grande squadra". Le merengues sono pronte per l'appuntamento, per concendersi il primo titolo della nuova stagione: "La squadra sembra già in ottima forma. La gioia e la soddisfazione che provi dopo tali vittorie nella finale di Champions League tendono a rimanere, facendoti sentire come se nessuno dovrebbe mai prendere il tuo posto. E questa è una forte motivazione per continuare a vincere". Proprio sulle vittorie in rimonta nella scorsa Champions, Ancelotti ha raccontato: "È un ricordo molto fresco e c'era anche un'intesa molto speciale con i tifosi e lo stadio. Tutte le rimonte che abbiamo fatto sono state realizzate nel nostro stadio, grazie a quella spinta che è arrivata dagli spalti. Crederci sempre arrendersi mai. Dopotutto, abbiamo giocato contro squadre molto forti. Era inevitabile soffrire". Un titolo inaspettato, a differenza della Décima conquistata nel 2014: "Quella era probabilmente più prevedibile perché la squadra era già stata vicina a raggiungerla così tante volte. Gareth Bale si era appena unito a noi ed eravamo i favoriti per vincere il titolo fin dall'inizio. Quest'anno eravamo tutt'altro che favoriti, ma siamo comunque riusciti a vincere, grazie alla grande coesione e qualità della squadra. Penso che i fattori chiave fossero l'umiltà e l'esperienza dei giocatori più grandi, integrate dall'energia e dall'entusiasmo dei più giovani". Infine, sui nuovi arrivi, Aurélien Tchouameni e Antonio Rüdiger, l'allenatore dei blancos ha chiosato: "Credo che abbiamo due giocatori che sono tra i migliori al mondo nel loro ruolo. La loro qualità in primis accresce le capacità fisiche e tecniche della squadra. Poi c'è la necessità di adattarsi al gruppo e il gruppo si adatta un po' a loro. Non dobbiamo dimenticare che i tre che se ne sono andati, Marcelo, Isco e Bale, hanno fatto la storia di questo club negli ultimi anni, quindi tutto il Real Madrid è grato a quei giocatori. Ci auguriamo che i nuovi arrivati possano ripetere le gesta di coloro che sono partiti". A parlare al sito dell'Uefa anche il tecnico dell'Eintracht Francoforte, Oliver Glasner: "Non vediamo l'ora di affrontare il Real Madrid. Non lo vedo come un testa a testa con Carlo Ancelotti ma, invece, con il Real Madrid, uno dei club più grandi e illustri della storia del calcio, che negli ultimi anni ha vinto cinque volte la Champions League. Vogliamo prepararci in modo da avere tutte le possibilità di vincere la partita". – Foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). xd6/ari/red 04-Ago-22 16:10

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Coppa Italia. Udinese, Sottil “Pronti per il 1° vero obiettivo”

Articolo successivo

Un nuovo Piano rifiuti per Roma, Gualtieri “La città volta pagina”

0  0,00