Sabatini “Scalpito per lavorare, il calcio è triste senza di me”

1 minuto di lettura

Il direttore sportivo "Salernitana regalo inatteso, storia chiusa senza strascichi" ROMA (ITALPRESS) – "Sono a Roma, nella mia città, e non conosco la quiete, scalpito per rientrare e non faccio il falso modesto, so quanto posso offrire alla società che vorrà darmi fiducia. Il calcio senza di me è triste. Nell'attesa divoro libri, ne comincio tanti in contemporanea, mi perdo tra le pagine". Queste le parole di Walter Sabatini, reduce dall'esperienza alla Salernitana. "È stato un regalo inaspettato, culminato nella salvezza fantastica di tre mesi fa – ha dichiarato il direttore sportivo in un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport' – Una gioia immensa, un amore imprevedibile e mi dispiace non averlo ripagato fino in fondo, avrei voluto fare qualcosa di più duraturo. Ci sono stati degli 'incidenti', ma non accuso nessuno, è andata e basta. Col presidente Iervolino c'è stato un piccolo litigio che si è poi ingrandito, ma non ne voglio parlare. Vicenda chiusa, senza strascichi legali. Auguro ogni bene a Iervolino, alla Salernitana, alla sua gente straordinaria, bellissima, educata. Nei sei mesi a Salerno sono stato amato come mai, senza invadenza. Sapevano che per la mia salute delicata non avrei mai dovuto prendere il Covid e con garbo tenevano le distanze, per tutelarmi. Ci siamo salvati con un filotto di nove punti in otto giorni e nessuno ci toglierà questa impresa". Sabatini ha poi parlato della Roma. "Se fossi nei panni del bravissimo Tiago Pinto, direi che la squadra deve competere per entrare nelle prime quattro. Ed è implicito che chi lotta per i primi quattro posti può ritrovarsi a gareggiare per lo scudetto. Mourinho dovrà essere bravo a tenere insieme tanta qualità? Ci riuscirà. All'Inter ha vinto la Champions perché convinse Eto'o a spendersi come terzino nella notte di Barcellona. Nessuno come Mou è capace di costruire una mentalità vincente". Infine una battuta sul ritorno di Pogba alla Juve. "E' il più grande colpo di mercato finora. Si è infortunato e il progetto della Juve si è incrinato, ma farà benissimo. E poi Dybala, un'operazione magistrale della Roma. Chi è favorito per lo scudetto? Il Milan, perché ha creato i presupposti per rivincere". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). pal/red 10-Ago-22 10:55

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ciclismo: UAE Team Emirates. Contratto biennale per Großschartner

Articolo successivo

Procida, sanzioni per 4.500 euro sull’isolotto di Vivara

0  0,00