Allegri “Scudetto? Non siamo favoriti, bisogna lavorare in silenzio”

2 minuti di lettura

"Nessun allarme infortuni. Chiesa? Spero torni prima dei Mondiali" TORINO (ITALPRESS) – Un passo alla volta. Massimiliano Allegri lo ripete più volte, la Juventus deve pensare solo a se stessa e non fare voli pindarici, perchè al momento per lo scudetto sono altri i favoriti. Milan e Inter, per esempio. "Bisogna lavorare in silenzio e tenere un profilo basso – dice il tecnico in conferenza stampa alla vigilia del match con la Sampdoria a Marassi -. Ci sono 8 squadre, il livello è alto. Quattro giocheranno in Champions, due l'Europa League, una la Conference. Una guarderà in tv le altre. Sarà un campionato più avvincente. Dobbiamo fare un passettino alla volta, non dobbiamo andare troppo in là. Al momento sulla carta il Milan è favorito perchè ha vinto lo scudetto e l'Inter si è rinforzata. La stagione è lunga, dobbiamo pensare a noi stessi. Noi in questo momento non possiamo essere i favoriti. Bisogna solo lavorare e vedere a gennaio se possiamo lottare". Tre mesi a tutta e poi vedere, all'anno nuovo, dove questa nuova Juve sarà. Venti partite, "un passo per volta, senza farsi distrarre: abbiamo due obiettivi, passare il turno di Champions e rimanere tra le prime quattro. A gennaio ci sarà un'altra stagione, con il recupero di Chiesa e Pogba…". Allegri frena gli entusiasmi sul recupero dell'ex Fiorentina. "L'infortunio di Chiesa va bene. Io sarei contento se rientrasse prima della sosta dei Mondiali. Non possiamo sognare. Sono attaccato con i piedi per terra, sono molto pragmatico e realista. In questo momento non posso fare affidamento su Federico, è normale che sia così". Di mercato Allegri non vuole parlare. "Rabiot? Domani gioca. Ha fatto una stagione importante, ottima – aggiunge -. Zakaria? Del mercato non parlo, in 10 giorni possono cambiare tante cose. E poi se ne occuperà la società". E sugli infortuni, dice: "I pensieri in questa settimana sono stati buoni, perchè si è vinto, siamo tranquilli e sereni. Per quanto riguarda gli infortuni, succede un infortunio alla Juventus muscolare e sembra che venga giù il castello delle carte…Di Maria ha avuto un problema all'adduttore, sarà fuori 7-10 giorni o recupererà prima. Pogba, il menisco non posso farci nulla. McKennie se in America gli esce una spalla non posso farci nulla. Szczesny? Ha avuto un problema all'adduttore, poi abbiamo Perin che è un portiere molto bravo e affidabile: gli infortuni fanno parte della stagione, ma non sono allarmato. Il resto della squadra sta abbastanza bene, bisogna lavorare in silenzio per migliorare". Sta abbastanza bene anche Bonucci, anche se non sarà rischiato. "Leo è affaticato. Domani tiro la monetina, se esco un gatto gioca Gatti, se esce un cane gioca Rugani…Kostic? Buon acquisto. Di mercato non parlo, noi indipendentemente da quello che sarà il mercato dovremo fare il massimo. Vedremo a fine stagione". Ma domani c'è la Samp. E Allegri avvisa: "Troveremo una squadra che ha fatto una bella partita con l'Atalanta: a Genova ci sono sempre partite complicate. Bisognerà anche difendere bene. Quando prendono coraggio e sono spinti dal pubblico diventa il momento più difficile della partita, per cui bisogna essere molto bravi". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). fsc/red 21-Ago-22 13:16

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Europei di fondo, oro Acerenza nella 10 km

Articolo successivo

Conte “Pronto a confronto tv con tutti altri leader”

0  0,00