Malagò “Viviamo dell’eredità di Roma ’60, servono infrastrutture”

1 minuto di lettura

Il presidente del Coni: "Bisogna fare qualcosa sull'impiantistica" ROMA (ITALPRESS) – "A distanza di 62 anni viviamo solo di quello che ci ha lasciato l'Olimpiade di Roma 1960. E siamo in una città che ha una vocazione sportiva straordinaria. Questo discorso non può andare avanti a vita, servono le infrastrutture". Questo l'appello di Giovanni Malagò, numero uno del Coni, durante la presentazione dei Mondiali di concorso completo e attacchi che si terranno dal 15 al 18 settembre e dal 22 al 25 settembre ai Pratoni del Vivaro. "Bisogna fare qualcosa sull'impiantistica – ha ribadito Malagò – Oggi per il Cio sono sacre due parole: legacy e sostenibilità. Tornare dove è già successo qualcosa è un mantra per il Comitato Olimpico Internazionale, e questo Mondiale sarà un grande successo. Complimenti a chi l'ha sostenuto anche con investimenti concreti". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). spf/mc/red 05-Set-22 13:17

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Istituzioni Afam, novità in arrivo

Articolo successivo

Una giovane tenta il suicidio, salvata da un poliziotto

0  0,00