Caro energia: rischia lo stop la filiera farmaceutica. Le associazioni di settore: «Il nostro è un comparto essenziale, il governo ci aiuti»

1 minuto di lettura
filiera farmaceutica

La crisi energetica tiene in ansia anche l’importante filiera farmaceutica, perché potrebbe determinare la possibile interruzione delle forniture agli ospedali e nella comunità. A lanciare l’allarme sono Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma, Assofarm e Fifo, che sollecitano misure urgenti a tutela del settore.

In particolare, queste associazioni chiedono, in una nota congiunta, che la filiera del farmaco «sia considerata, come avvenuto durante la pandemia, un comparto essenziale al quale assicurare continuità e sostenibilità della fornitura di gas, energia elettrica e carburanti per il trasporto, adottando misure in tal senso tra le priorità dell’agenda politica e di governo. Questo per continuare a garantire le cure ai cittadini, evitando rischi di carenza di terapie in Italia e all’estero, ma anche per assicurare la sostenibilità delle stesse imprese, messe a rischio sopravvivenza dal rincaro esorbitante dell’energia del 600% rispetto a un anno fa».

L’aumento dei costi si sta abbattendo anche sulle aziende della distribuzione del farmaco. Lo scenario, sostengono le associazioni di settore, in assenza di concrete misure di contrasto e sostegno mette seriamente a rischio già dalle prossime settimane la prosecuzione dell’attività.

Anche la Federazione Italiana Fornitori Ospedalieri chiede tutele e, in una propria nota, richiama l’attenzione sulle regole del rimborso. L’attuale normativa in vigore dal 2015 – spiega la federazione – è stata aggravata dal Governo uscente con il Decreto Aiuti bis. Tale sistema, ancora inattuato, ha l’obiettivo di contenere la spesa pubblica del Ssn obbligando le imprese fornitrici di dispositivi medici a rimborsare il 50% della spesa effettuata per il loro acquisto in eccesso dalle Regioni. Pur ritenendo corretto il fine ultimo del contenimento della spesa pubblica – la Fifo considera ingiusto e assolutamente vessatorio il provvedimento del rimborso, che penalizza fortemente i produttori e distributori di dispositivi medici».

Solo per il quinquennio 2015-2020, fa sapere ancora la Fifo, qualora si rendesse attuativo il rimborso, con le integrazioni volute dal Decreto Aiuti bis, le aziende dovrebbero restituire in media somme pari a metà del proprio fatturato annuo, circa 3.6 miliardi di euro in totale.

Lancia l’allarme anche l’Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata. «Il caro energia – afferma la presidente Barbara Cittadini – sta travolgendo il sistema produttivo e dei servizi del Paese e, in particolare, la sanità. Chiediamo che la definizione degli strumenti necessari per affrontare questo problema diventi una priorità assoluta nell’agenda politica. Le bollette, in molti casi, sono aumentate anche del 400%. In una situazione di questo genere, si rischia davvero di trovarsi costretti a limitare servizi e prestazioni di cura».

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Italvolley in finale ai Mondiali dopo 24 anni, ora la Polonia

Articolo successivo

Swiatek regina di New York, altra finale persa per Jabeur

0  0,00