La Lega Pro dice no al cibo sintetico

1 minuto di lettura

In ogni stadio la raccolta firme per la petizione di Coldiretti MILANO (ITALPRESS) – "La Lega Pro dice No al cibo sintetico, un danno irreparabile che colpendo i prodotti alimentari distrugge cultura, storia e racconta una storia di difesa dell'ambiente non vera e capace di portare danni, "avidi speculatori" delle multinazionali sono dietro questa operazione. Noi scenderemo in campo con loro, in ogni stadio, nella raccolta delle firme per sottoscrivere la petizione ideata da Coldiretti. Così il presidente di Lega Pro Francesco Ghirelli presente al villaggio "Campagna Amica" di Coldiretti al Castello Sforzesco di Milano. Richard McCarthy presidente di "World Farmers Markets Coalition" con Coldiretti stanno costruendo ed allargando la coalizione mondiale dei mercati contadini. World Farmers Markets Coalition è la comunità che raccoglie agricoltori, consumatori, istituzioni, università impegnati nella promozione dello sviluppo del consumo del cibo locale combattendo l'avvento del cibo sintetico. "Quando Richard tornerà, la prossima volta, ci troveremo insieme a lui ed a Carmelo Troccoli direttore di Campagna Amica in uno stadio di Serie C, perché vogliamo scendere in campo al loro fianco e dare una mano per vincere questa battaglia contro il cibo sintetico" conclude Ghirelli. La Lega Pro è in questi giorni a Milano al "Villaggio Campagna Amica" di Coldiretti dove in un suo stand i bambini sono protagonisti calciando dei rigori e vincendo dei gadgets ufficiali della serie C. Dopo la pandemia ripartirà infatti la partnership tra la Lega Pro e la Coldiretti con l'accordo fatto con la Fondazione Campagna Amica proposto per valorizzare le eccellenze alimentari dell'Italia negli stadi. – foto: ufficio stampa Lega Pro (ITALPRESS). pc/com 02-Ott-22 10:54

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Giovani, astensione e disaffezione: com’è andata. Parlano loro

Articolo successivo

Elezioni politiche 2022: una valanga di meme

0  0,00