Calcio: Stramaccioni “Inter ha perso occasione, Juve ha meritato”

2 minuti di lettura

"Il Napoli è un'orchestra che colpisce, cambia gli elementi ma non perde l'identità" ROMA (ITALPRESS) – "L'Inter ha 'perso' un'occasione: giocare contro una Juve con così tante assenze poteva essere un'occasione per fare il colpaccio. Fra l'altro nel primo tempo l'Inter aveva le carte in regola per colpire, la Juve aveva sofferto e le palle gol migliori erano state nerazzurre. Ma nella ripresa è entrata in campo una Juve più motivata, attenta, organizzata e ha meritato la vittoria. E anche rimaneggiata è la miglior difesa del campionato". Andrea Stramaccioni, primo tecnico a espugnare lo Stadium nel 2012 allora proprio alla guida dei nerazzurri, analizza così la sfida di ieri sera che ha visto la Juve imporsi 2-0 nel derby d'Italia. "L'Inter ha questa grave pecca di personalità: ci sono le sconfitte in tutti gli scontri diretti che sono un dato psicologico perchè iniziano a vacillare delle sicurezze, e poi le reti subite in trasferta, è la peggior difesa fuori casa della serie A – è il pensiero di Stramaccioni, ospite di 'Radio Anch'io Sport' su RadioUno – Inzaghi dovrà porre rimedio sotto questo punto di vista. Un errore non prendere Dybala? A me piace tantissimo ma è un giocatore di particolare collocazione tattica, probabilmente sono state fatte valutazioni differenti. Io lo avrei voluto nel mio parco attaccanti, era anche un'occasione visto che era libero". In ripresa la Juve, anche grazie all'inserimento di giovani come Miretti e Fagioli che "sono giocatori che stanno avendo una continuità che ha permesso loro di esprimersi" e, aspettando i rientri di tutti i big, "questo tenere botta nel momento più difficile è un elemento molto positivo". In testa però c'è un Napoli che non dà segni di cedimento per quanto il Mondiale in Qatar a metà stagione rappresenti un'incognita per tutti. "Mai c'è stato un Mondiale a questo punto dell'anno e che trova i giocatori così in forma per cui il ritorno sarà una specie di secondo campionato, con squadre che magari perdono una condizione positiva e altre che si ricompatteranno, e inoltre ci sarà anche il mercato. Ma in questo momento non è facile parlare male del Napoli, un'orchestra che colpisce a livello internazionale e che non perde la sua identità pur cambiando i suoi elementi in campo". Stramaccioni è reduce dall'avventura all'Al Gharafa, conclusa a inizio mese. "È stata una grandissima esperienza in Qatar, due stagioni in cui ho avuto modo di disputare la Champions asiatica e conoscere l'Emiro. Ora il Qatar organizzerà anche la Coppa d'Asia del 2023 e il campionato sarà un po' penalizzato: l'ultima partita è stata giocata il 15 settembre e non si sa quando riprenderà. Per una questione di buon senso abbiamo così deciso che dopo il Mondiale potevamo in grandissima serenità terminare questo rapporto bellissimo". A proposito del Mondiale e della nazionale di casa, "la loro forza è la solidità difensiva che è necessaria quando non sei attrezzato tecnicamente. Hanno vinto la Coppa d'Asia in questo modo. E solo due elementi della rosa sono qatarini doc, tutti gli altri sono naturalizzati. In campionato è diverso, gli stranieri sono quasi tutti attaccanti". Per quanto riguarda invece le proteste contro lo sfruttamento dei lavoratori migranti, "è una situazione delicata, tema oggetto di discussioni. So per certo però che l'assegnazione del Mondiale in Qatar ha costretto questa nazione ad adeguarsi legalmente a tante normative che prima non esistevano relative alla tutela dei lavoratori e dei diritti e delle garanzie di chi lavora qui". – foto Image – (ITALPRESS). glb/red 07-Nov-22 09:16

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Pacifismo di lotta e di governo. Il gioco sporco in piazza di Letta e Conte

Articolo successivo

Sangiuliano e Sgarbi, la strana coppia: scintille alla Cultura?

0  0,00