Calcio: Juve, Rabiot “Con rientri Chiesa e Pogba scudetto possibile”

1 minuto di lettura

"Al futuro non penso, io e il club non abbiamo fretta" PARIGI (FRANCIA) (ITALPRESS) – "Dieci punti sembrano tanti, ma la stagione è lunga. Il ritorno di Chiesa e Pogba ci farà bene, come il contributo dei giovani come Fagioli, Miretti, Soulé e Iling Junior. Insieme possiamo puntare allo scudetto. È quasi un peccato fermarsi adesso perché si è innescato un cambio di mentalità e abbiamo creato il clima giusto, con energia ed entusiasmo". In ritiro con la Francia, Adrien Rabiot carica l'ambiente bianconero e crede alla rimonta nella seconda parte di stagione. "Vista la rosa, non ho mai avuto dubbi sulla possibilità di lottare per il titolo – racconta a 'La Gazzetta della Sport' – L'inizio non è stato facile per gli infortuni. Non abbiamo mai giocato al completo, ma avevamo l'obiettivo di tornare sul podio prima del Mondiale, per sfidare a gennaio il Napoli che ha fatto un inizio di stagione incredibile. Ma pure loro perderanno qualche punto per strada, sta a noi approfittarne". Al primo Mondiale ("È un sogno che non si era realizzato quattro anni fa in Russia, adesso invece me lo sto godendo a pieno") e pronto a trascinare la Francia in Qatar ("Da campioni in carica tutti vorranno batterci ma vogliamo scrivere la storia"), Rabiot sa di dover molto ad Allegri. "Ho imparato molto anche con Sarri, ma queste stagioni con Allegri mi hanno permesso di migliorare tanto. Quest'anno per esempio studio molto i video con uno dei suoi vice, Paolo Bianco. È un lavoro che poi mi serve pure in nazionale, anche se qui ovviamente giochiamo in modo diverso. Ai nostri giovani consiglio di seguire con attenzione i consigli di Allegri che è un grande allenatore perché non si focalizza solo sugli obiettivi, sempre importanti alla Juve, ma è molto pedagogico con i giovani, insistendo in allenamento anche quando sbagliano. I risultati si vedono, sono tutti migliorati in questi mesi anche nella difficoltà: la direzione è quella giusta". La Champions è una ferita aperta "ma mi sono subito detto che adesso voglio vincere l'Europa League, tra l'altro da giocare contro altre grandissime squadre. È una bella sfida, utile per darci li giusto slancio pure per lo scudetto. Il contratto in scadenza? Al futuro non ci penso, resto concentrato sul Mondiale. Io e il club non abbiamo fretta, c'è serenità e avremo tempo per soppesare ogni possibilità". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). glb/red 16-Nov-22 09:12

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Migranti-Bali. Mattarella-Meloni-Macron. I governi litigano, gli Stati fanno pace

Articolo successivo

Calcio: Criscito lascia Toronto “Su futuro decido entro fine anno”

0  0,00