Nba: Boston e Milwaukee non si fermano, Curry-show ma Golden State ko

1 minuto di lettura

Banchero ancora ai box e Orlando sconfitta da Minnesota, Toronto batte Miami NEW YORK (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Siamo solo all'inizio ma l'impressione è che a Est sia una corsa a due. In una notte che metteva di fronte le prime quattro squadre della Conference, sono Boston e Milwaukee a uscirne vittoriose. I Celtics allungano a otto partite la loro serie positiva, stavolta a spese di Atlanta (126-101) e nonostante le assenze di Smart e Brogdon: sette i giocatori in doppia cifra, a partire da Jaylen Brown (22 punti) e Jayson Tatum (19). I Bucks, invece, regolano 113-98 Cleveland (quinto ko di fila) trovando in Brook Lopez (29 punti con 7/9 dall'arco) una valida alternativa a un Giannis Antetokounmpo meno esplosivo di altre occasioni (16 punti, 12 rimbalzi e 8 assist). Miami sbatte invece contro Toronto (112-104) che trova 32 punti e 10 rimbalzi da Anunoby e fa sua la partita nel terzo quarto, con un parziale di 21-0: sesto successo su sette in casa per i Raptors. Si ferma dopo quattro gare anche la striscia di Washington, beffata a dalla tripla di Shai Gilgeous-Alexander (42 punti per lui di cui 30 nel secondo tempo) a 1"1 dalla sirena per il 121-120 a favore di OKC. Porzingis (27 punti) e Beal (25 punti, compreso il canestro a 6"1 dalla fine per il 120-118 che sembrava aver chiuso la gara) i migliori fra i Wizards. Lo show di Stephen Curry (50 punti) non basta a Golden State per guarire dal mal di trasferta: Phoenix vince 130-119 (29 punti per Payne e 27 per Booker) e per i Warriors è l'ottava sconfitta su otto lontani da casa. "Perdere diventa un'abitudine se non la risolvi – il monito di Curry – ma siamo molto consapevoli di chi siamo e del nostro potenziale". I Suns agganciano al secondo posto della Western Conference Denver, che senza Jokic si fa sorprendere da New York 106-103 (34 punti per Randle e 21 per Brunson) mentre Dallas concede una serata di riposo a Doncic e paga pegno contro Houston (101-92). Nelle altre gare della notte, successo Pelicans su Chicago (124-110, 23 punti di McCollum e 22 di Valanciunas), al terzo ko consecutivo nonostante 28 punti di DeRozan e 25 di LaVine, mentre Charlotte perde con Indiana (125-113) ed è in ansia per LaMelo Ball (26 punti), che si è rifatto male alla caviglia sinistra. Con Banchero ancora ai box, Orlando cede per 126-108 a Minnesota, trascinata da Edwards (35 punti), Towns (30 punti) e Gobert (16 punti e 8 rimbalzi). Bol Bol (26+12) il top scorer dei Magic. – foto agenziafotogramma.it – (ITALPRESS). glb/red 17-Nov-22 09:20

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Blitz contro rete di scafisti tra la Sicilia e la Tunisia, 18 arresti

Articolo successivo

A Roma il 1° congresso nazionale degli assistenti sanitari

0  0,00