Sci: Cdm donne a Sestriere, Goggia “Posso far bene in gigante”

1 minuto di lettura

Al via anche Brignone, Bassino, Curtoni, Melesi, Zenere e Platino. TORINO (ITALPRESS) – Ha nevicato parecchio, per tutta la notte e fino all'ora di pranzo, su Sestriere, dove domani e domenica andranno in scena un gigante e uno slalom femminile valevoli per la Coppa del mondo di sci alpino. Nel giorno della vigilia è stata, quindi, cancellata la sciata in pista e le atlete azzurre hanno svolto un leggero allenamento grazie all'opera dei tecnici, che sono riusciti a ripulire un tracciato di allenamento per consentire una "sgambata". Saranno sette le italiane al via del gigante di domani: Federica Brignone, Marta Bassino, Sofia Goggia, Elena Curtoni, Roberta Melesi, Asja Zenere ed Eisa Platino. "Sto lavorando per ritrovare il mio feeling ugli sci, per aggredire anzichè difendermi, farò di tutto per raggiungere sensazioni positive. E' stato un inizio di stagione strano a causa delle cancellazioni ma può capitare nel nostro sport, avevano aggiunto tante gare al programma ma alla fine non abbiamo fatta neanche una. Da adesso in poi il calendario è fitto, ci saranno occasioni per salire di livello e fiducia, ho bellissimi ricordi a Sestriere, tre anni fa fu una gara pazzesca, spero di rivivere delle belle emozioni", ha detto Federica Brignone. "Ha nevicato tanto ma stanno lavorando bene in pista e non mi preoccupo delle condiaiozni di gara. Mi sento bene, sto sciando bene, sono molto confidente e spero di divertire me stessa e il pubblico che sarà finalmente numoeroso. La pista presenta un muro iniziale seguito da un piano e ricomincia la pendenza che porta a un raccordino, dove bisogna mantenere la giusta velocità per arrivare fino al traguardo, ma per fare la differenza occorrerà sciare nel modo giusto", ha affermato invece Marta Bassino. Infine, Sofia Goggia, che torna alle gare tecniche, dopo i brillanti risultati ottenuti in quelle veloci di Lake Louise. "Arrivo da una trasferta canadese assolutamente positiva, ho saltato il gigante di Killington perchè ho preferito preparare al melgio Lake Louise e alla fine è stata la decisione giusta. Il gigante è una disciplina che mi permette di mantenere un livello tecnico elevato, anche con la velocità, ed è ciò che mi serve". "Si tratta di creare velocità nella stabilità tecnica, quindi i richiami di gigante saranno importantissimi e sento di avere le qualità per raggiungere buoni piazzamenti, perchè anche negli ultimi due anni, dove non ho ottenuto grandi risultati nella specialità, sentivo di avere un buon livello", ha aggiunto Sofia Goggia. – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). pdm/com 09-Dic-22 14:36

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Mercedes-Benz Italia, 2022 nel segno della luxury strategy

Articolo successivo

Mobilità, Telepass lancia una collezione di utility NFT

0  0,00