Calcio: Stellone “Benevento forte, via le paure e ritrovare entusiasmo”

1 minuto di lettura

"Ho trovato un gruppo con grande spirito di sacrificio e abnegazione", dice il neo-tecnico giallorosso BENEVENTO (ITALPRESS) – Il Benevento riparte da Roberto Stellone per cercare di salvare la preziosa categoria della serie B. Dopo l'ennesima sconfitta contro il Venezia il patron giallorosso, Oreste Vigorito, ha deciso di chiudere i rapporti con il tecnico Fabio Cannavaro e il direttore sportivo Pasquale Foggia, e chiamare il terzo tecnico della stagione per cercare di raggiungere l'impresa della salvezza. Nella gara di domani, inizio ore 14, sul campo del blasonato Cagliari, Letizia e compagni sotto la guida dell'ex calciatore di Napoli e Torino, dovranno dare dimostrazione di avere le capacità e i mezzi per cercare di abbandonare in fretta il penultimo posto. Il nuovo tecnico è convinto che questa squadra abbia tutti i mezzi per restare tra i cadetti, così come ha sottolineato nel corso della conferenza stampa pre-gara. "Ho parlato tanto in questi giorni con i ragazzi, perché devi cercare in poco tempo di trovare le giuste soluzioni. Ho accettato con grande entusiasmo questa avventura e ringrazio il presidente per la fiducia che mi ha accordato". "Ho visto dei calciatori che vogliono uscire da questo periodo negativo – ha aggiunto Stellone -. Ho trovato una squadra che sta bene fisicamente con grande spirito di sacrificio e abnegazione e questo mi rende pieno di gioia. Se dovessimo vincere domani non sarebbe merito mio ma dei ragazzi che si stanno allenando con grande voglia. Questa squadra è forte e in tutti i ruoli bisogna mettere un pizzico di entusiasmo che in questo momento manca. Non si sono dimenticati di giocare a calcio, ma hanno paura di sbagliare e quindi ho lavorato soprattutto su questo cercando di farli ritrovare come squadra". Non è la prima volta che Stellone prende formazioni in corsa. "Ho preso situazioni più difficili, questa è una situazione complicata di classifica, ma la rosa che ho a disposizione è di livello. Conosco Cannavaro, per aver giocato insieme a lui, e l'ho chiamato per rispetto e non per sapere qualcosa in merito alla squadra. Quando si prende gol o non si fa gol, non è colpa della difesa o dell'attacco, ma è colpa dell'intera squadra. Abbiamo un parco attaccanti importante e attrezzato per giocare con due punte. Il tifoso vuole il bene della squadra e l'impegno e noi da questo punto di vista promettiamo il massimo". Stellone, ex attaccante, torna sul reparto offensivo del suo Benevento e spiega: "Possiamo giocare con due sottopunte tipo Ciano e Farias o la punta che attacca la profondità come La Gumina. Se mi serve una punta d'area ci sono Simy e Pettinari. Senza dare riferimenti potrei utilizzare solo Farias. Dormirò poco da qua a maggio, possiamo fare tutti i moduli e impiegare gli elementi in base all'avversario". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). mco/ari/red 10-Feb-23 13:14

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ieg su Rimini acquisisce ‘Sintonie’, expo b2c sull’audio-video di altissima qualità

Articolo successivo

Salvini lancia su TikTok pdl contro polpette avvelenate, è reato di ‘strage di animali’

0  0,00