Salute, Feriozzi: “Nefrite Lupica ha incidenza variabile, non basarsi solo su clinica”

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – “La Nefrite Lupica ha un’incidenza variabile perché può essere anche non clinicamente evidente. Se ci limitiamo alla clinica, noi sappiamo che nell’arco dell’estensione della malattia almeno 1 paziente su 2 svilupperà un segno renale. Se guardiamo i segni istologici potremmo arrivare al 90-95% dei pazienti.”. A dirlo Sandro Feriozzi, direttore Uo Nefrologia ed emodialisi dell’ospedale Belcolle di Viterbo, a margine della conferenza stampa, promossa dalla società farmaceutica Otsuka per presentare una nuova opzione terapeutica per i pazienti colpiti da nefrite lupica, grave conseguenza del lupus eritematoso sistemico. Si tratta della voclosporina, un agente immunosoppressore da poco rimborsabile grazie l’intervento dell’Agenzia Italiana del Farmaco.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Farmaceutica, Lattuada (Otsuka): “Nel 2022 investiti in R&S 1,7 mld nel mondo”

Articolo successivo

Italia Economia n. 38 del 20 settembre 2023

0  0,00