Lega, Salvini lascia Botteghe Oscure: addio a sede nata per conquistare Roma

1 minuto di lettura

(Adnkronos) –
La Lega dice addio a Botteghe Oscure, Matteo Salvini ha chiuso il grande portone alle sue spalle riconsegnando le chiavi dello stabile, al 54 della storica via del centro dove una volta era di casa il Pci Togliatti e Berlinguer. Lì, il leader degli ex lumbard aveva voluto la nuova sede ‘nazionale’ della ‘Lega per Salvini premier’, nel cuore di Roma, tre anni fa. 

Ora, a quanto apprende l’AdnKronos, il dietrofront: l’addio alla sede voluta per lanciare la conquista di Roma, a partire dalla sfida dell’autunno del 2021 a Raggi e Gualtieri, poi finita male con la sconfitta del tribuno del popolo Michetti.  

Quello che colpì tutti fu l’arrivo dei leghisti nell’ex feudo del Bottegone del fu partito comunista italiano. Salvini stesso non nascose la sua soddisfazione per questa rivincita della storia, uno smacco alla sinistra. “I valori di una certa sinistra che fu, quella di Berlinguer” i valori del “lavoro, degli artigiani, sono stati raccolti dalla Lega, se il Pd chiude Botteghe oscure, e la Lega riapre io sono contento, è un bel segnale”, disse nei giorni dell’ingresso a Botteghe Oscure il leader leghista, nel luglio del 2020.  

Motivi legati ai costi, mai ufficializzati ma intorno a 5mila euro di canone mensile per oltre 500 metri quadrati, ma soprattutto legati all’agibilità del posto -mancanza di parcheggi auto, di servizi e limitazioni della Ztl- hanno spinto oggi il partito, ora al governo con la romana Giorgia Meloni, a non rinnovare il contratto di affitto.  

La sede, dove un tempo trovò posto pure la ‘Bestia’ di Luca Morisi, è stata dismessa, il partito oggi si riunisce in altre spazi più decentrati o in grandi location affittati alla bisogna, per esempio all’interno di alberghi, come successo per il congresso regionali dello scorso settembre che ha visto i leghisti convergere all’Ergife.  

Restano pochi gli incontri di rilievo al Bottegone leghista: lì Salvini aveva incontrato Marine Le Pen, nel settembre del 2018 quando ancora il passaggio alla Lega degli uffici dell’Ugl, il sindacato vicino al Carroccio, non era stato formalizzato, lì, da padrone di casa Matteo Salvini aveva tenuto il primo federale ‘romano’ nell’estate del 2020. Poi pochi incontri tra i dirigenti regionali, fino all’addio di oggi. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Investiti da un furgone nella notte, 2 carabinieri feriti nel cremonese

Articolo successivo

Tg Economia – 11/10/2023

0  0,00