Calcio: Andreazzoli “Genoa e spinta Marassi, l’Empoli sa che sarà dura”

1 minuto di lettura

"Dobbiamo dare il massimo senza abbatterci per un risultato negativo", dice il tecnico azzurro EMPOLI (ITALPRESS) – La sconfitta col Sassuolo è stata bruciante ma Aurelio Andreazzoli vuole subito un pronto riscatto dai suoi ragazzi nel match di Marassi contro il Genoa. "Dovremo scendere in campo consapevoli che sarà una gara molto dura – spiega il mister -. Ci saranno trentamila persone, è una squadra che sente la spinta. Affronteremo queste difficoltà. Ci dobbiamo presentare bene, con le idee chiare e pronti. Loro hanno tecnica, dinamicità, qualità agonistiche spiccate – aggiunge -. Inoltre sono forti nel gioco aereo, temibili sui calci piazzati. Hanno molte armi, a cui si aggiunge appunto l'ambiente. Col Sassuolo ci sono state cose che mi sono piaciute, secondo me loro non hanno meritato di vincere come ha detto Dionisi. Potevamo vincere anche noi la partita, anche perché si è trattato di una gara sempre aperta e molto bella. Dispiace perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo perso, però rianalizzando la gara i commenti positivi si accentuano". Partita particolare per Andreazzoli che torna a Marassi da ex. "Lo stadio è uno splendore – spiega -. La gradinata Nord poi è particolare ma non diciamo niente di nuovo. Ho ricordi molto piacevoli, sono stato bene nel breve periodo in cui sono stato là. Sarà una gara impegnativa, il campionato in generale è molto equilibrato. Le squadre sono attrezzate. Per quanto ci riguarda dobbiamo tirare fuori tutto il possibile. Non solo noi, ma anche l'ambiente che ci ha sempre sostenuto. Siamo coscienti che dobbiamo fare fatica e che non dobbiamo abbatterci per un risultato negativo, dobbiamo cercare di portare dalla nostra parte più episodi possibile e cercare di dipendere unicamente da noi". Il tecnico azzurro parla anche dei singoli e delle probabili scelte di formazione. "Maldini è più avanti di Destro, ma hanno avuto problemi da risolvere – spiega -. Ora abbiamo meno problemi di scelta, i ruoli sono quasi tutti doppi. Dobbiamo recuperare Baldanzi, poi saremo a posto. Guarino non sarà tra i convocati perché ha avuto un problema muscolare. Marin? A me piace molto, soprattutto come persona. Ha caratteristiche che devono sposarsi con quelle dei suoi compagni". – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). mar/ari/red 01-Dic-23 14:07

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Renault accende il Natale di Roma, dal centro storico alle periferie

Articolo successivo

Viaggio nel microbiota: ‘Il Kefir: quando sentirsi bene non è solo uno slogan’

0  0,00