Argento per 4×50 sl mista azzurra a Europei in vasca corta

2 minuti di lettura

A Otopeni il quartetto tricolore timbra anche il nuovo primato italiano OTOPENI (ROMANIA) (ITALPRESS) – La staffetta azzurra 4×50 sl mista conquista la medaglia d'argento nell'ultima finale dnella penultima giornata dei 22esimi Europei di nuoto in vasca corta in svolgimento all'Aquatics Complex di Otopeni, in Romania. Alessandro Miressi, Lorenzo Zazzeri, Jasmine Nocentini e Silvia Di Pietro concludono al secondo posto in 1'28"28, nuovo primato italiano; oro e record dei campionati per la Gran Bretagna (1'27"75), bronzo per la Francia (1'28"35). La giornata si era aperta con il trionfo di Kira Toussaint nei 100 dorso femminili. Con il tempo di 55"88, la nuotatrice olandese ha preceduto la britannica Medi Harris, argento in 56"81, e la francese Mary-Ambre Moluh, bronzo in 57"10. Ottava l'azzurra Margherita Panziera (58"25). Anche Matteo Ciampi si piazza ottavo (1'43"16) nella finale dei 200 stile libero maschili vinta dal britannico Matthew Richards (1'41"01) sul connazionale James Guy (1'41'12"); terzo il lituano Danas Rapsys (1'41"15). Senza azzurre la finale dei 100 farfalla femminili con il successo della svedese Louise Hansson (55"37) sulla tedesca Angelina Kohler (55"50) e la greca Anna Ntountounaki (55"98). Domani, per l'ultima giornata della competizione continentale, ci sarà in acqua tanta Italia con legittime velleità di podio. Sofia Morini e Giulia D'Innocenzo accedono alla finale dei 200 sl femminili: Morini ha ottenuto il quarto tempo complessivo delle due batterie di semifinali (1'54"20), D'Innocenzo il sesto (1'54"32); miglior crono d'accesso per la britannica Freya Anderson (1'53"10). Nella finale dei 200 rana maschili, oro per l'olandese Caspar Corbeau (2'02"41), argento per l'islandese Anton McKee (2'02"74) e bronzo per l'altro oranje Arno Kamminga (2'03"32). Giovanni Izzo si qualifica per la finale dei 100 misti maschili con 52"48, quarto tempo complessivo delle due batterie di semifinali; squalificato Thomas Ceccon, miglior crono d'ingresso per il britannico Joe Litchfield. Nella finale dei 200 misti femminili, oro per la britannica Abbie Wood (2'05"58), argento per la francese Charlotte Bonnet (2'06"58) e bronzo per l'austriaca Lena Kreundl (2'06"89); a vincere invece i 50 sl maschili è lo svizzero Noe Ponti, che tocca in 21"79 precedendo l'ungherese Szenasztian Szabo (21"96) e il francese Maxime Grousset (22"06). Con il nuovo record dei campionati (28"98), Benedetta Pilato si qualifica per la finale dei 50 rana femminili. Domani, assieme alla tarantina, che diventa così la favorita per l'oro per aver nuotato, l'unica, sotto i 29" (l'estone Eneli Jefimova ha il secondo crono d'accesso con 29"10), ci sarà anche Jasmine Nocentini a puntare al podio: l'azzurra timbra il terzo tempo in 29"31. Nicolò Martinenghi e Simone Cerasuolo hanno conquistato l'accesso alla finale dei 50 rana maschili: Martinenghi ha stampato il miglior crono d'accesso delle due batterie di semifinali (25"72), Cerasuolo il terzo (25"94). Alessandro Miressi e Leonardo Deplano irrompono nella finale dei 100 stile libero: Miressi ha realizzato il secondo crono d'accesso (45"76), Deplano il settimo (46"91); comanda il francese Maxime Grousset (45"63). Silvia Di Pietro si qualifica per la finale dei 50 farfalle femminili con il quarto crono complessivo delle due batterie di semifinali (25"45); 14esima ed eliminata Costanza Cocconcelli (26"06), in testa c'è la svedese Sara Junevik (25"28). Lorenzo Mora, infine, sarà protagonista nella finale dei 200 dorso maschili: l'azzurro firma il secondo crono d'accesso (1'50"06), battuto solo nel computo delle due semifinali dal britannico Luke Greenbank (1'49"87). – foto LivePhotoSport – (ITALPRESS). mc/red 09-Dic-23 19:48

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Taranto, 60enne ucciso con un colpo di pistola: fermato figlio

Articolo successivo

Il Gruppo Menarini presenta a SABCS 2023 nuovi dati dallo studio clinico EMERALD su ORSERDU® (elacestrant) sulla sopravvivenza libera da progressione in sottogruppi clinicamente rilevanti di pazienti con carcinoma mammario metastatico (mBC) ER+, HER2- con mutazioni di ESR1

0  0,00