/

La Corte di Giustizia europea: «Il monopolio dell’Uefa è illegale»

1 minuto di lettura
calcio

Quasi tre anni dopo il maldestro tentativo di “colpo di stato” ai danni delle fondamenta del calcio europeo, con tanto di strombazzamento mediatico, la Superlega conquista la vittoria tanto inseguita. Secondo il pronunciamento della Corte di Giustizia europea il quello di Uefa e Fifa è di fatto un “monopolio”. Per la Corte esiste un abuso di posizione dominante, un profilo anticoncorrenziale incompatibile con il diritto comunitario: «Le norme Fifa e Uefa sull’approvazione preventiva di competizioni calcistiche, come la Superlega, sono contrarie al diritto dell’Ue e sono contrari al diritto della concorrenza e alla libera prestazione dei servizi. Le regole Fifa e Uefa – scrive la Corte – subordinano alla loro previa approvazione qualsiasi nuovo progetto calcistico interclub, come ad esempio la Super League e il divieto ai club e ai giocatori di giocare in quelle competizioni sono illegali. Non c’è quadro normativo Fifa e Uefa che garantisca che siano trasparenti, oggettive, non discriminatorie e proporzionate. Allo stesso modo, le norme che conferiscono alla Fifa e alla Uefa il controllo esclusivo sullo sfruttamento commerciale dei diritti connessi a tali concorsi sono tali da restringere la concorrenza, data la loro importanza per i media, i consumatori e telespettatori nell’Unione europea».

Si tratta di una sentenza dirompente, che squarcia la gabbia rigidissima delle competizioni internazionali e le liberalizza. Di fatto, Uefa e Fifa non possono punire i club che vorranno partecipare a tornei organizzati da altre organizzazioni, come appunto nel progetto “separatista” del 2021 elaborato da Real Madrid, Barcellona e Juventus, anche se quest’ultima di recente si è defilata.

Esulta la A22, società che organizza la Superlega: «Abbiamo ottenuto il diritto di competere. Il monopolio della Uefa è finito. Il calcio è gratuito. I club non devono più temere sanzioni e ora possono determinare il proprio futuro – commenta l’Ad Bernd Reichart su X la sentenza della Corte di giustizia europea sul monopolio di Uefa e Fifa. Ai tifosi – continua – dico che la nostra proposta è che tutte le partite della Super League vengano trasmesse gratuitamente. Ai club: garantiti redditi e contributi di solidarietà».

Gelido il commento dell’Uefa: «L’Uefa prende atto della sentenza pronunciata dalla Corte nel caso della European Super League. Questa sentenza non implica l’approvazione o la convalida della cosiddetta “Superlega”, ma piuttosto sottolinea una carenza storica nel quadro della pre-autorizzazione della Uefa, un aspetto tecnico che è già stato riconosciuto e affrontato nel giugno 2022. L’Uefa – continua il comunicato dell’organizzazione calcistica europea – è fiduciosa nella solidità delle sue nuove regole, e nello specifico che siano conformi a tutte le leggi e regolamenti europei pertinenti. La Uefa rimane risoluta nel suo impegno a sostenere la piramide calcistica europea, assicurando che continui a servire i più ampi interessi della società. Continueremo a plasmare il modello sportivo europeo collettivamente con associazioni nazionali, leghe, club, tifosi, giocatori, allenatori, istituzioni europee, governi e partner».

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Lautaro, infortunio durante Inter-Bologna

Articolo successivo

Ponte Corleone a Palermo, riapre carreggiata in direzione Catania

0  0,00