Terziario, Terzulli (Sace): “Per export servizi 2023 a doppia cifra, in 2024 normalizzazione”

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Sull’export dei servizi a livello globale “per quello che stiamo vedendo alla chiusura dello scorso anno, con i dati che via via saranno resi disponibili, per quello che abbiamo visto in termini di ripresa nel 2022, possiamo dire che quanto perso nel 2020 è stato recuperato. Le prospettive per il 2024 e il 2026 ci fanno vedere che i tassi medi annui di crescita della domanda e quindi di commercio internazionale dei servizi saranno superiori a quello dei beni. Ci sono anche buone novità per l’export italiano dei servizi, da prendere con una certa cautela. Abbiamo visto che il tasso di crescita a due cifre del 2023 che ci farà raggiungere 135 miliardi di euro anche qui abbiamo avuto una buona ripresa e un buon recupero. Le previsioni per quest’anno non ci parlano di un tasso a due cifre, ma avremo una normalizzazione con un tasso che potrà superare il 4-5%. Rimane una buona dinamica, da non sottovalutare e che in parte stiamo intercettando grazie alla ripresa del turismo e ai servizi per le imprese ad esempio”. Lo ha detto Alessandro Terzulli, Chief economist Sace, intervenendo alla presentazione dell’ultimo report dell’Osservatorio Terziario di Manageritalia realizzato in collaborazione con Sace.  

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Gas, ministro greco “Accordi con aziende Italia per costruire futuro”

Articolo successivo

Sanità, Consulcesi: “Annullata richiesta di 250mila euro a chirurgo per danno erariale”

0  0,00