Calcio: Richarlison “Ero depresso, andare in terapia mi ha salvato”

1 minuto di lettura

L'attaccante del Tottenham si racconta: "Dopo i Mondiali volevo mollare tutto" LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Il suo gol contro la Serbia è stato scelto come il più bello dei Mondiali in Qatar, ma da lì è iniziata una spirale negativa dalla quale è uscito solo grazie alle sedute dalla psicologa. Richarlison, attaccante della Seleçao e del Tottenham, si racconta senza filtri a "Espn Brasil" dopo che già a settembre, sostituito nella disastrosa sconfitta dei verdeoro in Bolivia e scoppiato in lacrime in panchina, aveva ammesso di aver bisogno di aiuto. "Avevo giocato un Mondiale, ero all'apice, ma dopo sembrava che fosse crollato tutto – confessa Richarlison, alle prese anche con problemi privati – Avevo raggiunto il limite, non dico che pensassi di farla finita ma ero in depressione e volevo mollare tutto. Anzichè andare ad allenarmi volevo rimanere a casa, tornare nella mia stanza, non sapevo cosa mi passasse per la testa". Decisivo il confronto col padre: "Andare da lui, che assieme a me aveva inseguito il sogno di giocare un Mondiale, e dirgli 'papà, voglio smettere', è statp pazzesco". Ed è a quel punto che Richarlison ha scelto un'altra strada: "La psicologa, che volesse o no, mi ha salvato, mi ha salvato la vita. Nella mia famiglia ci sono persone che pensano che chi va dallo psicologo è da considerarsi pazzo, loro pensano che sia pazzo. Ma è stata la scoperta più bella che abbia mai avuto in vita mia. Se avete bisogno di uno psicologo, andateci". – foto Ipa Agency – (ITALPRESS). glb/red 27-Mar-24 17:24

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Pensioni, in Italia sfiorano i 18 milioni

Articolo successivo

Cerana (Acto Italia): “Per il tumore ovarico non esiste prevenzione”

0  0,00